A- A+
Heroes. Dove sono finiti gli idoli
Inter o Verona? Luciano Marangon ha già fatto la sua scelta: Ibiza!
Luciano Marangon

di Lorenzo Zacchetti

Lunedì 30 ottobre si affrontano Verona e Inter, le due squadre più importanti della sua carriera, ma non aspettatevi di vederlo in tribuna al Bentegodi. Al freddo dell’autunno nel Triveneto l’ex calciatore trevigiano ha da tempo preferito il sole di Ibiza, realizzando il sogno di molti italiani che, durante le vacanze, fantasticano sull’aprire attività nei luoghi di villeggiatura.

Ibiza, paradiso del divertimento, ben si concilia con l’indole di Luciano Maragon, che anche da calciatore non si negava passatempi decisamente piacevoli. Le sue avventure da autentico playboy fanno parte della mitologia del pettegolezzo calcistico… e non si tratta solo di voci. In un’epica intervista a “Libero”, l’ex Inter ha confessato: “Ho fatto sesso anche con sette donne insieme. Lo facevo anche la domenica mattina, era il mio doping”.

Cresciuto nelle giovanili della Juventus, Marangon ha avuto il coraggio di ribellarsi a Boniperti che voleva darlo in prestito al Catanzaro ed è stato ceduto al Lanerossi Vicenza. In biancorosso ha debuttato in Serie A, incrociando la strada di Paolo Rossi e contribuendo allo storico secondo posto del campionato 1977/78.

Dopo il crollo del Vicenza, retrocesso in Serie B, Marangon ha militato per una stagione nel Napoli di Rino Marchesi, conquistando un altro piazzamento egregio: il terzo posto, dietro Juve e Roma. Proprio i giallorossi lo hanno acquistato durante l’estate, ma anche nella Capitale si è dovuto accontentare della terza piazza, dietro la solita Juve e, questa volta, la Fiorentina.

Nell’aprile del 1982 ha debuttato in nazionale contro la Germania Est, ma è rimasta la sua unica presenza in azzurro: chiuso da Cabrini nel ruolo di terzino sinistro, non è stato nemmeno convocato per il Mundial in Spagna e Bearzot non lo ha più preso in considerazione.

Nell’estate del 1982 è passato al Verona. Con la maglia dell’Hellas ha giocato per tre stagioni, collezionando un quarto e un sesto posto, prima dello storico Scudetto gialloblu del campionato 1984/85. Nella squadra allenata da Osvaldo Bagnoli c’era anche suo fratello Fabio, di sei anni più giovane.

Dopo quell’epica affermazione, sia Marangon che Pietro Fanna sono stati acquistati dall’Inter, in cerca di rilancio. Pagato tre miliardi di lire, l’esterno mancino ha però fatto una certa fatica nell’ambientarsi in nerazzurro. 19 presenze nel primo anno e appena tre nel secondo, a causa di un brutto infortunio. Nel 1987, preso atto della situazione, Marangon ha chiesto di essere ceduto al Tottenham e, di fronte al rifiuto del presidente Pellegrini, ha appeso le scarpe al chiodo prima ancora di compiere 31 anni.

Cosa c’è nella vita di un calciatore professionista, una volta spente le luci della ribalta?

Ognuno prende la sua strada e quella di Marangon è stata davvero sorprendente. Per sapere tutto, clicca QUI

Tags:
luciano marangonverona inter

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

i blog di affari
Toninelli, pugno alzato in Aula? L'educazione è data anche dalla laurea
di Ernesto Vergani
Tim, Altavilla vince ma non convince.Spiraglio per il ripensamento di Gubitosi
di Angelo Maria Perrino
Grecia, umiliazione eurocratica. Il culmine dell'oltraggio alla nostra civiltà
di Di Diego Fusaro

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.