A- A+
Heroes. Dove sono finiti gli idoli
Maurizio Ganz, idolo di Inter e Milan... ma il figlio Simone è della Juve

di Lorenzo Zacchetti

Se il derby alle 12.30 rappresenta un vero e proprio inedito, sono invece parecchi i giocatori che lo hanno vissuto su entrambe le sponde del Naviglio. Gli scambi di giocatori tra Milan e Inter hanno riguardato sia grandissimi campioni (Ronaldo, Ibrahimovic, Pirlo, Seedorf...), sia clamorosi bidoni che hanno finito per scontentare i tifosi delle due fazioni (Domoraud, Brncic, Umit, Simic...).

Un posto particolare in questa lunga storia rossonerazzurra lo occupa Maurizio Ganz, sia per il suo passaggio diretto da Appiano Gentile a Milanello, sia per aver segnato a raffica con entrambe le maglie. Cresciuto nella Samp, con cui ha debuttato in A, ha vestito le maglie di Monza, Parma, Brescia e Atalanta prima di giungere all'Inter nel 1995. Capocannoniere della Coppa Uefa 1996/97 con otto reti, ha visto sfumare la conquista del trofeo nella maniera più crudele: nella finale con lo Schalke, l'Inter di Hodgson ha ceduto ai calci di rigore, dopo aver perso 1-0 l'andata in Germania e vinto con lo stesso punteggio a San Siro.

Sei mesi dopo, durante il mercato invernale, il suo biennio nerazzurro si è chiuso con 26 gol in 68 presenze e un clamoroso scambio che ha visto Moriero passare all'Inter e Ganz al Milan. La squadra allenata da Capello era in piena crisi di identità, tanto che avrebbe concluso il campionato ad un anonimo 10° posto. Ganz era arrivato a rinforzare l'attacco insieme a Pippo Maniero, mentre nella stessa sessione Davids era passato alla Juventus con la scomoda etichetta di “mela marcia”.

Nessuno poteva prevedere che nella stagione seguente, con l'arrivo di Alberto Zaccheroni, il Milan avrebbe celebrato il suo Centenario vincendo un inatteso Scudetto, al termine di un'emozionante testa a testa con la Lazio. Se il nuovo bomber rossonero era Bierhoff, anche i quattro gol di Ganz hanno pesato moltissimo sull'esito finale del campionato. “El segna semper lu” (segna sempre lui), il coro un tempo intonato dalla Curva Nord nerazzurra, è stato ripreso a mo' di sfotto' dai tifosi milanisti.

Già nello squillante 5-0 della Coppa Italia nella stagione precedente, Ganz aveva rifilato all'Inter un classico gol dell'ex, festeggiandolo con un'esultanza molto discussa. Anni dopo, l'ex nerazzurro ha voluto respingere l'etichetta del “traditore” con queste parole: “Ho sputato sangue per l’Inter dal primo all’ultimo giorno, poi sono stato ceduto e comunque ci hanno guadagnato i nerazzurri perché Moriero ha disputato una stagione fantastica, andando anche al Mondiale. Scherzi a parte, io ero centravanti e l’anno prima avevo segnato un totale di 20 gol, ma poi arrivò Ronaldo e io fui dirottato sul ruolo di esterno destro. Mi guardai intorno e tra Milan e Lecce scelsi i rossoneri: ero un professionista e ho pensato alla mia carriera, non ho tradito nessuno. L'esultanza nel derby? Dovevo presentarmi bene al Milan e il gol nel derby era troppo importante, non sono riuscito a trattenermi, anche se poi forse è da lì che si è incrinato il rapporto con i tifosi”.

La storia di Ganz continua QUI

Tags:
maurizio ganzganz interganz milanganz juventus

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

i blog di affari
Hillary Clinton si ricandida alla Casa Bianca: l'ambizione smodata crea mostri
di Marco Zonetti
A Milano rinasce Trattoria Toscana-Elite, multiforme salotto dell'arte
di Paolo Brambilla - Trendiest
La sostenibilità condizione per accesso al cibo nei Paesi poveri

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.