A- A+
Milano-Mosca
Nagatomo-Zapata: aria di derby al mondiale

di Lorenzo Zacchetti

Colombia-Giappone è la partita che oggi inaugura il gruppo H di Russia 2018 e per i tifosi milanesi spicca la sfida tra Yuto Nagatomo e Cristian Zapata. Uno scontro diretto tra due difensori protagonisti di tanti derby e in particolar modo di quello del 15 aprile 2017, passato alla storia per due motivi: era la prima partita tra i due club dopo il passaggio nelle mani delle rispettive proprietà cinesi e a deciderne il risultato è stato proprio Zapata, segnando il gol del definitivo 2-2 al 97° minuto di gioco.

Se con quella prodezza il colombiano ha conquistato il cuore dei tifosi rossoneri, per il suo dirimpettaio giapponese non è stato altrettanto facile trovare spazio nell'Inter. Dopo 210 presenze in sette anni, Yuto nello scorso mercato di gennaio si è trasferito in prestito al Galatasaray, che ha poi chiesto all'Inter di poterlo acquistare a titolo definitivo, operazione che dovrebbe completarsi entro il mondiale.

In un girone piuttosto equilibrato, già la prima partita potrebbe risultare decisiva per il passaggio del turno, obiettivo al quale legittimamente aspirano tutte e quattro le contendenti. I favori del pronostico sono per la Polonia di Lewandowski, nella quale militano anche diversi protagonisti del campionato italiano: Szczesny della Juventus, Bereszynski, Kownacki e Linetty della Samp, Zielinski e Milik del Napoli e Cionek della SPAL, oltre agli ex Glik (Torino) e Blaszczykowski (Fiorentina).

Non va trascurato nemmeno il Senegal, che nel 2002 impressionò tutti e nel quale gioca l'unico... italiano del mondiale. Il portiere Alfred Gomis, in forza alla SPAL, è arrivato in Italia a tre anni ed è cresciuto prima a Cuneo e poi a Torino, diventando portiere nelle giovanili granata. Pur avendo fatto uno stage con l'Italia Under 20 allenata da Di Biagio, si è poi convinto a rappresentare il Senegal dopo un viaggio nella sua terra d'origine, che lo ha riportato a contatto con le sue radici.

Con il napoletano Koulibaly in difesa e Manè del Liverpool in attacco non è utopistico pensare di regalare una gioia ai tanti senegalesi emigrati in Europa: a Milano sono oltre 2.200.

Vediamo nel dettaglio il Gruppo H:

 

POLONIA

Polacchi residenti a Milano: 1.058

Posizione nella classifica delle comunità straniere a Milano: 31°

Riferimenti associativi: Oltre all’Associazione dei Polacchi a Milano (www.polonia-milano.org), c’è il Circolo Culturale Italo Polacco in Lombardia, che ha sede a Segrate

Palmarès ai mondiali: 7° nel ranking Fifa, ha conquistato il terzo posto sia nel 1974 che nel 1982. Compare nella fase finale per l’8° volta

Il commissario tecnico: Adam Nawalka – Giocatore della nazionale che partecipò ad Argentina ’78, è diventato c.t. nel 2013 e finora ha fatto molto bene, conquistando i quarti di finale a Euro 2016 (mai la Polonia era arrivata così lontano nella competizione) e tornando al mondiale dopo due edizioni viste solamente in televisione

La stella della squadra: Robert Lewandowski – Una scelta ovvia, non solo per le imprese compiute con la maglia del Bayern Monaco, ma anche per i 16 gol in 10 partite che ne hanno fatto il capocannoniere assoluto delle qualificazioni europee

La stella del passato: Zbignew Boniek – Dopo un triennio di successi con la Juventus è passato alla Roma, scelta che ha suscitato la rabbia di molti supporter bianconeri. Il suo nome, inizialmente proposto per le 50 “stelle” fuori dallo Stadium, è stato poi rimpiazzato da quello di Davids in seguito alle proteste dei tifosi. Dal 2012 è presidente della federcalcio polacca

A San Siro ci ricordiamo di: Bartosz Salamon – Quest'anno ha giocato nella SPAL, ma ha un passato in rossonero. Ha militato nelle giovanili del Milan anche il portiere Michal Adam Miskiewicz, oggi tesserato per i portoghesi della Feirense

La curiosità: Il Papa polacco Giovanni Paolo II° era un grande appassionato di calcio e, da ragazzo, aveva giocato come portiere nell’Mks Cracovia

La maglia: Nike ha optato per un look total white, sul quale spicca l'aquila raffigurata nello stemma applicata sul petto. L'apertura alare dell'animale ha ispirato la grafica grigia realizzata in diagonale. La seconda maglia è tutta rossa, con la grafica di una diversa tonalità

 

SENEGAL

Senegalesi residenti a Milano: 2.242

Posizione nella classifica delle comunità straniere a Milano: 16°

Riferimenti associativi: A Milano ci sono il Gruppo Interculturale Sinafrica, Maschere Nere e Sunugal. Va aggiunta anche Jappo, con sede a Corsico

Palmarès ai mondiali: La sua unica precedente apparizione risale al 2002, quando a sorpresa raggiunse i quarti di finale eliminando Francia e Svezia, per poi cedere alla Turchia nei supplementari

Il commissario tecnico: Aliou Cissè – Era il capitano della squadra che a Corea/Giappone 2002 sorprese il mondo intero con le sue prestazioni. In carica dal 2015, ha ottenuto la qualificazione a questo mondiale senza subire nemmeno una sconfitta

La stella della squadra: Sadio Manè – Il Liverpool nel 2016 ha versato 41,2 milioni di euro al Southampton per assicurarsi le prestazioni dell’attaccante che è così divenuto il calciatore africano più costoso di tutti i tempi

La stella del passato: Henri Camara – Detiene sia il record di presenze (99) che di gol (31) con la maglia dei “Leoni della Teranga”. Ha 41 anni e gioca ancora (in Grecia, con lo Ionikos), ma da dieci anni è fuori dal giro della nazionale

A San Siro ci ricordiamo di: L'unico senegalese nella storia del Milan è Mohamed Sarr, mentre dall'Inter sono passati Khalilou Fadiga, Mohamed Dabo e Mame Baba Thiam

La curiosità: Ha sede a Milano anche “Senegol” (http://www.senegol.org), associazione di volontariato che si propone di utilizzare la forza del calcio per lavorare con i bambini di strada

La maglia: Realizzata da Puma, è interamente bianca con bande verdi sulle spalle. In controluce sul petto appare la figura stilizzata del Leone della Teranga

 

GIAPPONE

Giapponesi residenti a Milano: 1.668

Posizione nella classifica delle comunità straniere a Milano: 20°

Riferimenti associativi: Associazione Culturale Tozai (via Pacini)

Palmarès ai mondiali: Giunto alla sua 6° partecipazione alla fase finale, ha raggiunto il massimo risultato qualificandosi per gli ottavi nel 2002 e nel 2010

Il commissario tecnico: Akira Nishino – Ex centrocampista che ha preso parte alle qualificazioni per il mondiale ’78, da allenatore ha guidato la selezione nipponica olimpica e quella giovanile. È all’inizio della sua avventura con la prima squadra

La stella della squadra: Maya Yoshida – La militanza in Premier League con la maglia del Southampton gli ha conferito una certa visibilità, peraltro pienamente meritata per le sue doti tecniche e i suoi temibili calci piazzati

La stella del passato: Hidetoshi Nakata – La sua militanza italiana con Perugia, Parma e Roma ha contribuito a dare lustro all’immagine del calcio nipponico. Il fascino di questo personaggio sta anche nell’aver scelto di chiudere presto la carriera calcistica, per dedicarsi ad altro

A San Siro ci ricordiamo di: Nagatomo e Honda – Sono gli unici giapponesi nella storia, rispettivamente, di Inter e Milan e hanno giocato a Milano nello stesso periodo

La curiosità: Milano è gemellata con Osaka fin dal 1981, quando era Sindaco Carlo Tognoli

La maglia: Tra le maglie realizzate da Adidas per questo mondiale, è certamente la più originale. L'ispirazione infatti non deriva da alcuna divisa del passato, ma dal look del Samurai, idea che si traduce nella particolare grafica puntinata sul tronco

 

COLOMBIA

Colombiani residenti a Milano: 921

Posizione nella classifica delle comunità straniere a Milano: 34°

Riferimenti associativi: Unidos Por Colombia è in via Appennini, zona Bonola

Palmarès ai mondiali: E’ la sesta fase finale nella storia dei “Cafeteros”. L’ultima è stata anche la più esaltante: a Brasile 2014 sono arrivati ai quarti di finale, eliminando Giappone e Costa d’Avorio nella prima fase, nonché l’Uruguay negli ottavi. A fermare la sua ascesa sono stati i padroni di casa verdeoro, ma con una certa fatica

Il commissario tecnico: Josè Pekerman – E’ un tecnico di enorme esperienza: ha vinto tre mondiali Under 20 con la sua Argentina, per poi guidarne la rappresentativa maggiore a Germania 2006. Ha firmato anche la doppia qualificazione della Colombia alle ultime due edizioni del mondiale

La stella della squadra: James Rodriguez – Dopo aver vinto il titolo di capocannoniere a Brasile 2014 è stato acquistato dal Real Madrid, che nella scorsa stagione lo ha dato in prestito al Bayern Monaco. E lui, dopo avervi segnato da avversario in Champions, spera di tornare presto al Bernabeu

La stella del passato: Carlos Valderrama – Soprannominato “il Gullit biondo” per la sua curiosa acconciatura, era la stella della Colombia ai mondiali 1990, 1994 e 1998. Ha chiuso la carriera negli USA

A San Siro ci ricordiamo di: Il più noto degli ex è Ivan Ramiro Cordoba, che ha giocato nell'Inter come Rivas e Guarin. Sull'altra sponda del Naviglio c'è Zapata, preceduto in rossonero da Yepes, Armero e Vergara

La curiosità: La nota cantante Shakira è colombiana, di Barranquilla. Se la sua nazionale dovesse passare il turno e incontrare la Spagna nel corso della manifestazione, per lei sarebbe una sorta di “derby”, essendo sposata con il difensore iberico Piquè. Il loro primogenito si chiama Milan: non un omaggio ai rossoneri, ma un termine dai vari significati, ovvero “caro, amato e grazioso” in slavo, “laborioso” in latino e “unificazione” in sanscrito

La maglia: Evidente il richiamo allo stile di Italia '90, con una casacca prevalentemente gialla, attraversata da tre inserti rossoblu sui lati del petto. Le tipiche tre strisce di Adidas, in blu, sono applicate sulle spalle

 

 

LE PARTITE DEL GRUPPO H IN TELEVISIONE

 

Martedì 19/6 14.00 Colombia-Giappone (Italia 1)

Martedì 19/6 17.00 Polonia-Senegal (Italia 1)

Domenica 24/6 17.00 Giappone-Senegal (Italia 1)

Domenica 24/6 20.00 Polonia-Colombia (Italia 1)

Giovedì 28/6 16.00 Senegal-Colombia (Italia 1)

Giovedì 28/6 16.00 Giappone-Polonia (Canale 20)

 

 

 

 

 

 

Tags:
nagatomo zapataderby al mondialemondiali russiamondiali calcio

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

i blog di affari
Giuseppe Prinetti espone a Milano, in via Santa Marta 8a, il 27 e 28 novembre
di Paolo Brambilla - Trendiest
La presenza scenica: come può cambiare l’approccio al canto
di Giancarlo Genise
Comandare un robot con la forza del pensiero
di Maurizio Garbati

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.