Fondatore e direttore
Angelo Maria Perrino

Humanitas University: inaugurato il nuovo Campus. FOTO

L'inaugurazione del nuovo Campus di Humanitas University, con un simulation lab tra i più tecnologici d'Europa, e aule high-tech. Investimento da 100 milioni

Humanitas University: inaugurato il nuovo Campus. FOTO
Humanitas University: il nuovo Campus

Humanitas University: ecco il nuovo Campus


Inaugurato il nuovo Campus di Humanitas University: tre edifici immersi nel verde, 25mila metri quadrati per ospitare 1.200 studenti provenienti da 31 paesi del mondo. Un Simulation Lab di 2.000 metri quadrati tra i più tecnologici e grandi d’Europa, aule high-tech, biblioteca digitale e residence, a pochi passi dai laboratori di Ricerca diretti dal Prof. Mantovani e dall’ospedale, parte integrante del campus come luogo di insegnamento per futuri medici, infermieri e fisioterapisti. Investimento complessivo di circa 100 milioni di euro.

Sono questi alcuni degli elementi chiave del nuovo Campus di Humanitas University, Ateneo dedicato alle Life Sciences, che è stato inaugurato oggi in occasione dell’apertura dell’Anno accademico 2017/2018.

Alla Cerimonia hanno partecipato il Presidente della Repubblica Italiana Sergio Mattarella insieme al Ministro dello Sviluppo Economico Carlo Calenda, il Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Maria Elena Boschi, il Presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni, il Sindaco di Milano Giuseppe Sala insieme ai Sindaci di Rozzano e Pieve Emanuele Barbara Agogliati e Paolo Festa. Per Humanitas University sono intervenuti il Presidente Gianfelice Rocca, il Rettore Marco Montorsi, il prorettore alla Ricerca Alberto Mantovani, in rappresentanza degli studenti Javiera Ali.  

Il Campus è una piazza aperta verde sulla quale si affacciano grandi vetrate, uno spazio con ampie terrazze utilizzabili come aule all'aperto. Gli spazi sono concepiti secondo i più moderni standard in termini di tecnologia e comfort ambientale tali da promuovere le occasioni di incontro e di scambio tra Premi Nobel, docenti, ricercatori e giovani allievi provenienti da ogni parte del mondo. Il nuovo complesso è formato attualmente da 3 edifici per 25 mila mq. Sarà completato da una residenza universitaria di 8 mila mq con 240 posti letto a disposizione di studenti e ricercatori, la cui apertura è prevista per l'estate 2018.

Fiore all’occhiello del Campus è il Simulation Lab, che include il Mario Luzzatto Simulation Center e un Anatomy Lab: uno spazio altamente tecnologico di oltre 2.000 mq, tra i più grandi in Europa, a disposizione di studenti, specializzandi e professionisti della salute, che possono formarsi sulla base dei diversi livelli di specializzazione e complessità.

Il Simulation Center di Humanitas University e il residence per gli  studenti sono intitolati a Mario Luzzatto, manager di fama internazionale, artista e filantropo, scomparso nel 2012. Il suo impegno nei progetti dedicati alla ricerca e alla salute lo aveva avvicinato ad Humanitas, cui ha destinato un’importante donazione di 20 milioni di euro, insieme a un’altra della stessa cifra al Weitzmann Institute di Israele.

“Non è un caso che questo Campus sorga in una città e regione che è la culla delle Life Sciences. Lo abbiamo costruito in 18 mesi mossi dalla volontà di dotare i giovani di un luogo che li possa attrarre e far crescere. Siamo riusciti a realizzare uno spazio in cui tutti, studenti, medici, professionisti, possono respirare l’aria del futuro - spiega il Presidente di Humanitas Gianfelice Rocca - Il Campus è l’ultimo tassello di una visione nata venti anni fa, mossa dall’obiettivo di attrarre capitali privati per offrire un sevizio pubblico di qualità, con le cure più avanzate disponibili a livello globale, sviluppare una ricerca che possa cambiare il mondo intorno a noi e, infine, preparare nel miglior modo i medici e professionisti della salute del futuro”.

Il nuovo Campus, affiancando e rafforzando la clinica e la ricerca con le frontiere più avanzate della didattica, rappresenta la manifestazione fisica del triangolo della conoscenza che è alla base della mission di Humanitas.

“In un contesto sempre più internazionale - spiega il Rettore Marco Montorsi - è essenziale che il percorso educativo dei futuri professionisti della salute si fondi sull’integrazione con una rete ospedaliera di elevata qualità. Avere a disposizione un ambiente in cui vivere, fin da subito, il contesto clinico, permette sia da applicare le proprie conoscenze teoriche sia di sviluppare competenze essenziali tanto quanto lo studio: empatia, predisposizione al lavoro di squadra, capacità di adattarsi rapidamente e comprendere le implicazioni dei diversi contesti culturali. Tutto ciò richiede un nuovo paradigma, in cui gli spazi ricoprono un ruolo fondamentale nello scambio di conoscenze, come già avviene all’estero nelle migliori Università nel settore delle Life Sciences”.

Il nuovo Campus è stato progettato dallo studio FTA dell’architetto Filippo Taidelli e realizzato da Colombo costruzioni.

Faculty internazionale e didattica innovativa

Humanitas University, Ateneo internazionale per 1.200 aspiranti medici, infermieri e fisioterapisti, ha strutturato la sua offerta formativa sulla base di un apprendimento attivo, per preparare gli studenti ad affrontare ogni percorso di carriera, nella clinica come nella ricerca, in Italia o all’estero.

Sul fronte dell’offerta post-lauream, l’Ateneo offre 13 scuole di specializzazione per gli indirizzi più importanti dopo la Laurea in Medicina e Chirurgia, corsi di perfezionamento, master e un PhD in Medicina molecolare e sperimentale.

Con un corso internazionale in Medicina e Chirurgia interamente in lingua inglese, ed un percorso di integrativo “Excellence in Research Track” con cui apprendere le principali metodologie di ricerca, il 44% dei ragazzi sono stranieri, provenienti da 31 Paesi nel mondo.

Il respiro internazionale si ritrova anche all’interno della Faculty, che include più di 70 professori, oltre 200 tra Adjunct e Visiting Professors fra cui 3 premi Nobel. I programmi di studi vengono definiti sulla base di linee guide fornite da un Advisory Board internazionale, per garantire il meglio della formazione ed essere competitivi a livello globale.

Il progetto educativo prevede metodi di insegnamento che offrono la possibilità di entrare in ospedale e nei laboratori di ricerca fin dall’inizio del percorso, affiancando l’Università a un vero e proprio teaching hospital. Humanitas University sta lavorando con IBM per l’uso di Watson come tutor per i ragazzi: è il primo progetto di applicazione di intelligenza cognitiva volta all’insegnamento innovativo della Medicina.

La ricerca per il futuro

300 ricercatori guidati dal prof. Alberto Mantovani, insieme a oltre 100 medici, sono costantemente impegnati in ricerca clinica, preclinica e traslazionale. Provengono da 16 Paesi di 4 continenti e hanno a disposizione 25 laboratori attrezzati con tecnologie d’avanguardia. Lavorano con un focus particolare sul sistema immunitario e sul suo legame con malattie diverse - dalle cardiovascolari alle neurologiche, dalle autoimmuni al cancro - con l’obiettivo di applicare la ricerca direttamente in “corsia”, trasferendo i risultati della sperimentazione e dell’innovazione nell’attività clinica quotidiana.

Negli ultimi anni, la qualità e la quantità della produzione scientifica di Humanitas hanno continuato a crescere, raggiungendo livelli molto elevati, come dimostrato dagli indici bibliometrici: oltre 3.500 punti di Impact Factor nel 2016 (ai primi posti tra gli IRCCS per produzione scientifica).

Qualità clinica a servizio di tutti

Offrire le migliori cure possibili a circa 4.000 persone ogni giorno. Con questo obiettivo Humanitas investe ogni anno per favorire innovazione tecnologica, digitalizzazione e misurazione della qualità, quest’ultima strumento fondamentale per monitorare gli esiti clinici e i processi ospedalieri.

Humanitas è stato il primo policlinico in Italia, e uno tra i pochi in Europa, certificato da Joint Commission International. La qualità clinica unita all’innovazione organizzativa ha fatto sì che Harvard University considerasse Humanitas tra i 4 ospedali più innovativi al mondo, facendone un case-study per il modello organizzativo che coniuga qualità clinica, sostenibilità economica, sviluppo e responsabilità sociale.


In Vetrina

Grande Fratello Vip 2 sesso. Di nuovo sesso al GF VIP 2. Cecilia e Ignazio...

In evidenza

Il fatto della settimana Gigi Buffon visto dall'artista
Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare

Motori

Tesla Semi: debutta il camion elettrico

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.