A- A+
Milano
Idrovie: Sala, si andrà in nave da Locarno a Venezia via Milano
Regata sul Naviglio

Idrovie: Sala, si andrà in nave da Locarno a Venezia via Milano

Il completamento dell'idrovia Locarno Milano Venezia "ritengo sia un grande progetto e mi impegno per attivare chi va attivato. E' un sogno alla portata della realta'". Cosi' il sindaco Giuseppe Sala, durante il suo intervento al convegno su 'Il completamento dell'idrovia Locarno - Milano - Venezia, essenziale per conquistare l'eccellenza turistico culturale per acque interne a Milano e in Europa', organizzato dalla Istituto per i Navigli/ Associazione Amici dei Navigli, nella sede di Assimpredil Ance.

"Tutti noi dobbiamo aiutare Malara (presidente degli Amici dei Navigli, ndr.) che e' il padre di questa iniziativa, per arrivare a una conclusione rapida - aggiunge Sala - . La Milano Locarno Venezia sara' un unicum non solo in Italia ma in Europa, ed e' qualcosa di cui possiamo essere fieri". Il desiderio di Empio Malara sarebbe completare le opere entro il 16 agosto 2019, "vorremmo festeggiare cosi' i 200 anni dalla costruzione del naviglio di Pavia" spiega. "L'acqua e' al centro della storia, del passato e, spero, del futuro di Milano" aggiunge Sala accennando al tema, a lui caro, della riapertura dei Navigli, "una delle poche cose su cui c'e' un consenso trasversale". Ma al di la' di quel progetto, per il quale prima ci dovra' essere un referendum cittadino "ci sono dei sottosistemi, delle aperture parziali, che possono essere messe in campo. Una di queste e' la Locarno Milano Venezia" spiega.

Il ripristino dell'idrovia dalla Svizzera al mare Adriatico per la navigazione turistico-culturale passante per la darsena di Milano e' in avanzata fase di attuazione, ci sono progetti gia' realizzati per 200 milioni di euro che riguardano le tre tratte, quella dal lago Maggiore alla Darsena di Milano, quella dalla Darsena a Pavia, e quella da Pavia a Cremona. Mentre mancano all'appello gli ultimi 61 milioni. Come osservano gli Amici dei Navigli, per completare il ripristino dell'idrovia lo Stato Italiano, le Regioni Lombardia e Piemonte, e i Comuni di Milano e Pavia, dovrebbero finanziare al piu' presto le ultime opere in modo da riattivare l'idrovia entro il 16 agosto 2019. Il ripristino della navigazione dal lago Maggiore alla laguna di Venezia offrira' al turismo internazionale l'accessibilita' via acqua ai castelli viscontei e sforzeschi e alle corti del Rinascimento italiano e restituira' alla darsena di Milano, adeguatamente estesa, il suo ruolo storico di porto artificiale della 'grande' Milano. Nel corso del convegno e' stata annunciata l'ultimazione, entro questa anno, della piu' costosa opera idraulica dell'idrovia, la Conca di 5 classe di Isola Serafini,(47 milioni di euro) che consentira' la continuita' della navigazione da Pavia a Cremona. 

Tags:
idrovie milano locarnosala idrovie navigli









A2A
Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

i blog di affari
Accordo Brexit: Belfast esce con l'UK rimanendo in una zona tariffaria unica
di Bepi Pezzulli
Ortoressia, la nuova ossessione alimentare
di Mariella Colonna
A Milano tre nuovi locali in puro stile Art Factory in zona Garibaldi-Moscova
di Paolo Brambilla - Trendiest


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.