A- A+
Milano
La mamma licenziata dall’Ikea: il giudice dà ragione all’azienda

Mamma licenziata da Ikea, il giudice del lavoro: "Motivi disciplinari"

Non c'è stata nessuna discriminazione, solo motivi disciplinari dietro il licenziamento della mamma lavoratrice da parte di Ikea. Il giudice del lavoro di Milano l'ha confermato oggi, rifacendosi integralmetne all'ordinanza con cui un suo collega, nell'aprile scorso, aveva respinto la richiesta di reintegro della donna sostenendo che i suoi comportamenti erano stati "di gravità tali da ledere il rapporto fiduciario tra datore di lavoro e lavoratore".

Secondo il giudice che respinse la richiesta di reintegro e risarcimento ad aprile, l'Ikea aveva sempre assecondato le esigenze di Marica Ricutti, donna separata con due figli piccoli, uno dei quali affetto da invalidità al 100%, venendolo incontro nella variazione dei turni e chiedendo agli altri coordinatori di rendersi flessibili per accogliere le richieste della donna, che ne presentò 17 e ne vide accettate 15. La donna era inoltre diventata coordinatrice del reparto pet food nel 2017.  Uno storico che, secondo il giudice della prima sentenza, escluderebbe quindi l'ipotesi di licenziamento discriminatorio. La sentenza di aprile provocò la reazione sdegnata dei sindacati.

L'avvocato Maurizio Borali è pronto a ricorrere in appello contro la sentenza con la quale il Tribunale del lavoro di Milano ha respinto il ricorso di Marica Ricutti, la dipendente dell'Ikea di Corsico, mamma di due figli di cui uno disabile, licenziata un anno dall'azienda svedese. La ex lavoratrice aveva ritenuto discriminatorio il licenziamento da parte del gruppo per il quale aveva lavorato per 17 anni ,che le aveva imposto dei turni non compatibili con gli orari delle cure specialistiche del figlio e aveva chiesto il reintegro e il risarcimento del danno. Il tribunale "ha fatto qualche apertura che nel provvedimento d'urgenza non aveva fatto - spiega il legale - e ha riconosciuto che le assenze dal lavoro erano motivate da esigenze legittime e proprio queste esigenze legittime" derivanti dalle necessità familiari della ex dipendente Ikea "cercheremo di far valere davanti alla Corte d'Appello", conclude.

Commenti
    Tags:
    mamma licenziata ikeagiudice del lavoro milano mamma licenziata ikea











    A2A
    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    i blog di affari
    Finanza innovativa. Il Master AIPB in private banking per giovani neolaureati
    di Paolo Brambilla - Trendiest
    Montagne russe. La politica adrenalinica nell’era dell’incertezza stabilizzata
    di Maurizio de Caro
    Senza sovranità nazionale non esiste democrazia
    di Diego Fusaro


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.