A- A+
Milano
Il significato di una assoluzione. Non solo Sala: anche Maroni gioisce

di Fabio Massa

A volte ci sono assoluzioni che hanno un significato. Christian Malangone, attuale direttore generale di Digicamere, nell'orbita del mondo camerale, è stato il dg di Expo. Giovane, da tutti è descritto come un fuoriclasse. Una persona condannata per un reato (quello della vicenda Paturzo, per intendersi) che - malgrado l'assoluta insussistenza e irrilevanza - ha pesantemente influenzato nel passato e continua a farlo nel presente, la vita politica milanese. Per la condanna di Malangone si infiammarono le primarie. Per il processo di Maroni, imputato per la stessa vicenda, la politica regionale è stata lungamente sconvolta. La stessa narrazione di Expo, e del ruolo di Malangone, ne è risultata infangata. E così come Beppe Sala andrebbe premiato, per quel che ha fatto da commissario straordinario, e andrebbe premiato perché ha condotto tutto nei tempi, e non rimesso sotto inchiesta (a freddo, riesumata peggio di un cadavere) e alla gogna sui giornali. Ecco, alla stessa maniera Malangone dovrebbe ricevere un premio per quel che ha passato, sempre in silenzio. Invece dei ringraziamenti, gli sputi. Qualcuno oggi dice che l'assoluzione di Malangone vuol dire che c'è ancora speranza in questo Paese. Rimane lo sconforto. E adesso bisogna capire due cose, a valle. La prima è il destino di Roberto Maroni. Sarà condannato? E questa condanna influenzerà le regionali? Oppure - come è logico - sarà assolto e per una volta si potrà fare una campagna elettorale senza veleno aggiuntivo? Non è una questione irrilevante, se si pensa che il governatore ha pensato a più riprese di dimettersi prima della sentenza, per evitare condizionamenti esterni. E, di riflesso: c'è speranza per Giorgio Gori, in una contesa nella quale non intervenga una sentenza a risollevare le sorti del centrosinistra? Chiunque - e Gori è tra questi - sia onesto intellettualmente vuole vincere sul campo e non per carte bollate. Quindi, vedremo che cosa succederà. La seconda cosa riguarda invece l'organizzazione interna a Palazzo Marino. Criticità e potenzialità esistono. Beppe Sala lo sa, tutti lo sanno. E tutti sanno che Beppe Sala vorrà valorizzare Christian Malangone, non fosse altro perché se lo merita, ed è un fatto oggettivo. Cambierà qualcosa negli assetti interni? Verrà trovata una posizione (nuova o esistente) per lui? Il sindaco ci potrà riflettere, andata e ritorno in aereo da Lima.

fabio.massa@affaritaliani.it

Tags:
beppe salaroberto maroniex dg expo assoluzione


A2A
Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

i blog di affari
Royal wedding, un evento globale da 36 milioni di euro
di Elena Vertignano
In Italia è boom per la new canapa economy
di Elena Vertignano
Privacy, gli utenti ora hanno il coltello dalla parte del manico
di Nicola Bernardi

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.