A- A+
Il Talebano - Provocazioni da destra
Il Talebano/ Il 25 aprile si avvicina, picchiate un leghista

Di Vincenzo Sofo

Ma i violenti non erano mica i fascisti?

Non erano mica i razzisti-leghisti-xenofobi-omofobi-carnivori?

Il 25 Aprile si avvicina. Ricorrenza da omaggiare come si deve, perché tutti ci ricordano che è la data in cui l’Italia si è liberata dalla violenza. Ed è grazie a quella data che ora ci si può esprimere liberamente senza il rischio di subire violenza. Perché per fortuna da quel momento in poi l’Italia è finita nelle mani di un cartello politico-culturale-mediatico che è garante dello spirito del 25 Aprile.

Ed è per questo che ogni volta che qualcuno che odora di destra si attiva per organizzare qualcosa, persino la più meritevole, persino una manifestazione contro la pedofilia, persino un ricordo di un ragazzo morto ammazzato, i garanti dello spirito del 25 Aprile si attivano per boicottarla. Per evitare che poi da quella iniziativa meritevole nasca un ritorno alla dittatura della violenza.

Quella dittatura della violenza che se ti azzardi a fare un banchetto o un volantinaggio per esprimere la tua idea, prepara una squadra d’assalto e viene a picchiarti a sangue mandandoti all’ospedale. Orribile. Vergognoso. Inaccettabile. Fascista. Leghista. Razzista. Xenofobo. Omofobo. Carnivoro.

Quella dittatura della violenza che purtroppo esiste ancora, come visto oggi a Milano e proprio nelle modalità appena descritte. Solo che a essere picchiati a sangue sono stati i leghisti. Così come un anno fa a essere incendiata è stata una libreria ritenuta di destra. Ops… allora i violenti non sono quelli di destra. Eh già, a pensarci bene gli episodi di violenza politica a Milano non sono quasi mai di destra. Sono di sinistra.

Quella sinistra che i garanti del 25 Aprile si porta dentro poi nelle sue corse elettorali, quella sinistra che diventa il motore principale dei loro candidati sindaco. Perché servono a evitare la violenza dei fascisti-razzisti-leghisti-xenofobi-omofobi-carnivori. Che in realtà non esiste ma magari in futuro potrebbe arrivare… un po’ come Godot. Dunque per sicurezza, c’è da scommettersi, i garanti del 25 Aprile torneranno alla carica per chiedere di vietare ricorrenze il 29 Aprile, quando Milano ricorda un altro ragazzo picchiato a sangue. Lui a colpi di chiave inglese in testa. Lui perché ritenuto fascista e quindi ritenuto potenzialmente violento. Proprio come i leghisti oggi. Lui però, Sergio Ramelli, ammazzato.

Ma i violenti sono i fascisti-razzisti-leghisti-omofobi-carnivori, ci dicono. E’ il mantra che ha accompagnato i 5 anni di Pisapia, fatti di devastazioni durante i cortei No Expo, fatta di gang sudamericane, fatta di omicidi nel mezzo della strada. Tutte cose tornate di moda di recente, ma che per i garanti del 25 Aprile non esistono. Come gli Ufo.

Vincenzo Sofo
Un esponente milanese della Lega Nord e che dunque merita di essere picchiato

(Non sei d’accordo? Vuoi rispondere alle provocazioni da destra del Talebano? Vuoi dire la tua? Scrivi a milano@affaritaliani.it: i giornali sono luoghi di dibattito e democrazia, ospiteremo anche la tua opinione)

Tags:
talebanolega nord
Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

i blog di affari
Accordo Brexit: Belfast esce con l'UK rimanendo in una zona tariffaria unica
di Bepi Pezzulli
Ortoressia, la nuova ossessione alimentare
di Mariella Colonna
A Milano tre nuovi locali in puro stile Art Factory in zona Garibaldi-Moscova
di Paolo Brambilla - Trendiest


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.