Fondatore e direttore
Angelo Maria Perrino

Irccs, flash mob dei ricercatori. I precari scendono in piazza

Le richieste: un lavoro stabile e adeguatamente retribuito"

Irccs, flash mob dei ricercatori. I precari scendono in piazza

Irccs, flash mob dei ricercatori. I precari scendono in piazza

"Un lavoro stabile e adeguatamente retribuito". Questa la richiesta dei ricercatori che oggi hanno organizzato un flash mob alla Camera del lavoro: serve un futuro per la Ricerca Pubblica in Sanità


LA PROTESTA - "La Ricerca scende in piazza. I ricercatori precari della (precaria) Ricerca sanitaria Pubblica chiedono lavoro stabile e adeguatamente retribuito". Si legge in una nota di Fp e Nidil Cgil Milano , con cui il sindacato annuncia per oggi in tutto il territorio nazionale iniziative pubbliche a chiusura della campagna di raccolta firme (iniziata il 24 maggio) sulla petizione "Ricerchiamo Stabilmente" tesa a garantire al personale precario degli Irccs (Istituti di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico) "un lavoro stabile e adeguatamente retribuito ed il futuro della Ricerca Pubblica in Sanità".

A Milano  presso lo spazio antistante la Camera del lavoro (corso di Porta Vittoria,43) si terrà un flash mob a partire dalle ore 16 dei ricercatori precari degli Irccs milanesi (Istituto Neurologico Besta, Istituto Nazionale dei Tumori, Policlinico).

"Si tratta, in Lombardia, di circa 1500 lavoratori tra ricercatori e personale di supporto - si spiega nella nota - che svolgono un fondamentale lavoro di ricerca per nuove scoperte nell'ambito della prevenzione e la cura di svariate patologie (neurologiche, oncologiche, ecc. ecc. con 1620 progetti di Ricerca, 38.406 pazienti che partecipano agli studi clinici, 2700 pubblicazioni) che dal 1° Gennaio 2018 vedono messi definitivamente a rischio i loro posti di lavoro a seguito del progressivo taglio di risorse destinato alla Ricerca e della applicazione di Jobs Act (che impedisce agli IRCCS pubblici di continuare ad usare determinate tipologie contrattuali) e riforma Madia (che non ha previsto nessuna soluzione per la situazione venutasi a creare con l'applicazione del Jobs Act). Il 60/70% di loro ha oltre 3 anni di servizio, il 40/50% oltre 5, alcuni arrivano oltre i 20 anni di precariato. Il numero di ricercatori è in continua contrazione e almeno il 30% di loro ha dovuto, spesso a malincuore, abbandonare la Sanità Pubblica per andare a lavorare nel privato o all'estero. La situazione è ormai insostenibile. Abbiamo un livello di investimenti pubblici in Ricerca sensibilmente più basso degli altri paesi sviluppati. La mancanza di soluzioni urgenti e opportune priverà il paese di un asset essenziale per lo sviluppo, anche economico, e la salute della popolazione. Nessun grande paese può permettersi di perdere un settore simile se vuole mantenere livelli di eccellenza e universalità delle cure e della salute. Chiediamo al Governo, alla Regione e a tutte le Istituzioni coinvolte di provvedere immediatamente con interventi e risorse comparabili con quelle investite dagli altri grandi paesi della Ue e del mondo". 


In Vetrina

Grande Fratello Vip 2 Cecilia svela la verità sul sesso con Ignazio Moser al GF VIP 2

In evidenza

Italia prima meta nel mondo La sceglie un turista su tre
Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare

Motori

Garage Italia Customs reinterpreta la VW T-Roc

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.