La Velina

Di Paola Bacchiddu

A- A+
La Velina
Cominciano le liti nel centrodestra. E a Milano spunta Calenda. Velina

Rimangono tesissimi i rapporti tra Berlusconi e Matteo Salvini. Dopo il raduno leghista di Pontida, domenica scorsa, la corsa per la premiership nel centro-destra sembra aver coinvolto anche altri esponenti dell’area politica. A Berlusconi non sarebbe andata giù la presenza del governatore della Liguria Giovanni Toti sul palco leghista, a sostegno del segretario della Lega, proprio mentre a Fiuggi si celebrava la legittimazione del presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani, come leader incoronato dal Cavaliere.

Le solite veline che tutto sanno e poco capiscono raccontano che il fondatore di Forza Italia pare sia andato su tutte le furie a vedere le immagini di Salvini con la maglietta azzurra “Salvini premier” e accanto Toti sorridente. Il governatore ha giustificato così la sua presenza ai microfoni dei giornalisti: “Io faccio il pontiere e tengo insieme l’alleanza. Del premier parleremo". 

Ma sempre le solite veline riferiscono ad Affaritaliani.it Milano che l’accordo tra Renzi e Berlusconi, per stringere alleanze dopo le elezioni, sarebbe già praticamente siglato, malgrado le ovvie smentite degli interessati. La logica c’è, ed è stringente. In questo modo l’uno neutralizzerebbe la minaccia grillina, l’altro proprio quel Salvini che sembra non voler rinunciare alla sua premiership. Ma il rischio - qualcuno sottolinea - è che questo pre-accordo potrebbe generare il pericoloso asse Salvini - 5 Stelle dopo il voto delle urne: del resto, chissà come la pensa il nuovo capo politico Di Maio?

Intanto, a Milano, si lavora attorno a un nome super partes da spendere come figura credibile nel centro-sinistra: quel Ministro Carlo Calenda su cui starebbero puntando alcuni imprenditori del Nord che prima avevano investito su Renzi. Ma sempre e solo nel quadro dell’accordo Renzi-Berlusconi. Una figura abbastanza a destra, che sta governando con la sinistra e che - raccontano i bene informati - vuole lanciare a livello nazionale la sua associazione.

Come la prenderà Salvini? Il primo risultato è comunque quello di essere riuscito a strappare a Berlusconi il niet su Alfano, fuori da un’ipotesi di coalizione di centro-destra. Eppure sembra che il leader della Lega sia più interessato, per il momento, alla partita sulle regionali in Lombardia, conscio che avere un incarico a Palazzo Chigi potrebbe essere un’ipotesi piuttosto lontana...

Tags:
carlo calendaberlusconi salvini

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

i blog di affari
La presenza scenica: come può cambiare l’approccio al canto
di Giancarlo Genise
Comandare un robot con la forza del pensiero
di Maurizio Garbati
Procedura d'infrazione? Decide una manica di usurai che nessuno ha eletto

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.