La Velina

Di Paola Bacchiddu

A- A+
La Velina
Cominciano le liti nel centrodestra. E a Milano spunta Calenda. Velina

Rimangono tesissimi i rapporti tra Berlusconi e Matteo Salvini. Dopo il raduno leghista di Pontida, domenica scorsa, la corsa per la premiership nel centro-destra sembra aver coinvolto anche altri esponenti dell’area politica. A Berlusconi non sarebbe andata giù la presenza del governatore della Liguria Giovanni Toti sul palco leghista, a sostegno del segretario della Lega, proprio mentre a Fiuggi si celebrava la legittimazione del presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani, come leader incoronato dal Cavaliere.

Le solite veline che tutto sanno e poco capiscono raccontano che il fondatore di Forza Italia pare sia andato su tutte le furie a vedere le immagini di Salvini con la maglietta azzurra “Salvini premier” e accanto Toti sorridente. Il governatore ha giustificato così la sua presenza ai microfoni dei giornalisti: “Io faccio il pontiere e tengo insieme l’alleanza. Del premier parleremo". 

Ma sempre le solite veline riferiscono ad Affaritaliani.it Milano che l’accordo tra Renzi e Berlusconi, per stringere alleanze dopo le elezioni, sarebbe già praticamente siglato, malgrado le ovvie smentite degli interessati. La logica c’è, ed è stringente. In questo modo l’uno neutralizzerebbe la minaccia grillina, l’altro proprio quel Salvini che sembra non voler rinunciare alla sua premiership. Ma il rischio - qualcuno sottolinea - è che questo pre-accordo potrebbe generare il pericoloso asse Salvini - 5 Stelle dopo il voto delle urne: del resto, chissà come la pensa il nuovo capo politico Di Maio?

Intanto, a Milano, si lavora attorno a un nome super partes da spendere come figura credibile nel centro-sinistra: quel Ministro Carlo Calenda su cui starebbero puntando alcuni imprenditori del Nord che prima avevano investito su Renzi. Ma sempre e solo nel quadro dell’accordo Renzi-Berlusconi. Una figura abbastanza a destra, che sta governando con la sinistra e che - raccontano i bene informati - vuole lanciare a livello nazionale la sua associazione.

Come la prenderà Salvini? Il primo risultato è comunque quello di essere riuscito a strappare a Berlusconi il niet su Alfano, fuori da un’ipotesi di coalizione di centro-destra. Eppure sembra che il leader della Lega sia più interessato, per il momento, alla partita sulle regionali in Lombardia, conscio che avere un incarico a Palazzo Chigi potrebbe essere un’ipotesi piuttosto lontana...

Tags:
carlo calendaberlusconi salvini
Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

i blog di affari
Via della Seta, una figata per l’Italia
di Angelo Maria Perrino
Borsa Italiana. ISAGRO alla STAR Conference parla di futuro
di Paolo Brambilla - Trendiest
LIPOFILLING, dalla chirurgia ricostruttiva a quella rigenerativa
di Mariella Colonna


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.