La Velina

Di Paola Bacchiddu

A- A+
La Velina
La Velina/ I pisapiani entrano in Sala. Ecco il documento della discordia

I soliti cultori della politica d’analisi e di fino si chiedono che cosa, di preciso, abbia fatto così tanto infuriare l’assessore al Bilancio Francesca Balzani, nel documento “Prima la politica per Milano Metropolitana”, sottoscritto da una parte importante di Milano (assessori compresi), per immaginare insieme il futuro della città.

Le solite veline, che tutto sanno e poco capiscono, in un lungo documento che Affaritaliani.it Milano può allegare in esclusiva, hanno individuato il passaggio più spinoso: quello che parrebbe ritagliato (da quel furbacchione dell’assessore D’Alfonso?) proprio sulla figura di Giuseppe Sala, ancora incerto candidato alla carica di futuro sindaco per il pd: ipotesi che agita così tante notti nel centro-sinistra milanese.

Dopo aver delineato alcune delle direttive su cui si dovrà sviluppare la gestione del dopo Pisapia nell’amministrazione della città, infatti, nel documento si legge: “E’ dunque, a partire da questi contenuti politico-programmatici che va affrontato il confronto per la scelta del candidato sindaco di Milano. Senza preventive preclusioni, va dunque ricercata la persona, uomo o donna, più adatta e capace nel farsi carico delle responsabilità politico-amministrative che quegli straordinari obiettivi comportano”. Ripetita iuvant: “Senza preventive preclusioni, va dunque ricercata la persona, uomo o donna, più adatta e capace”. Un messaggio chiarissimo, a quella parte di Pd e di centrosinistra milanese che pare avere messo addirittura un veto sulla candidatura di Giuseppe Sala.

E visto che è nei dettagli che il diavoletto democratico nasconde la coda, anche scorrere l’elenco delle firme che hanno sottoscritto il Manifesto, dove c’è tutta la Milano che conta, ha un suo senso: dal “vecchio” (con rispetto parlando) Piero Bassetti a Maurizio Carrara, presidente del Pio Albergo trivulzio a Gad Lerner, giornalista e da sempre accanito fan di Pisapia (tanto per non far mancare a Sala la continuità aziendale…). E poi il gruppo di politici: gli assessori Maran, Benelli, D’Alfonso, Tajani, De Cesaris (poi uscita), Del Corno, Granelli, Guida (tornata a dirigere la Casa della Carità), ma anche Giorgio Gori, attuale sindaco di Bergamo, Fabio Pizzul, consigliere regionale Lombardia, Lia Quartapelle e Bruno Tabacci, deputati, Elisabetta Strada, capogruppo della lista civica Milano per Pisapia, Anna Scavuzzo, consigliere comunale e renziana della prima ora. Come dire: i pisapiani sono pronti a entrare in Sala.

Tags:
velinapaola bacchiddugiuseppe salafrancesca balzani

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

i blog di affari
Decreto Salvini, si chiama Mattarella, non mattarello
di Angelo Maria Perrino
Cara Milano, <i>Versace</i> da bere. Il creativo? E' a servizio del profitto
di Maurizio de Caro
A Bruxelles il nuovo ordine erotico genderizzato
di Diego Fusaro

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.