La Velina

Di Paola Bacchiddu

A- A+
La Velina
Milano, la campagna e i finanziamenti. Sala e il Pd, euro e consulenti

Saltata la cena di finanziamento nella City londinese, per l’incontro (fugace ma di impatto) a Milano con Renzi, gli uomini di Beppe Sala continuano l’impegno per la caccia ai finanziamenti per la sua campagna elettorale. Ora che il suo principale competitor, Stefano Parisi, si sta rivelando un osso più duro del previsto (del resto, gli attestati di stima reciproci non devono far pensare che la campagna non sia dura, anzi durissima), l’input renziano è stato quello di spingere al massimo sull’acceleratore. E per una bella campagna elettorale ci vogliono fondi: problema che non sembra toccare il centro-destra, grazie alle casse di Silvio Berlusconi, e all’ultimo cospicuo contributo di Corrado Passera, ritiratosi dalla corsa, e confluito nel sostegno a Parisi.

Ma l’aiuto del Pd nazionale, in questo senso, sembrerebbe non aver soddisfatto le aspettative, almeno per ora. Le solite veline che tutto sanno e poco capiscono, infatti, riferiscono ad Affaritaliani.it Milano che il contributo finanziario del nazionale, fino ad adesso, si sarebbe limitato a un bonifico di 50mila euro effettuato dal tesoriere nazionale Francesco Bonifazi.

Altre due tranche di 18mila euro sarebbero state spese dal partito centrale per gli ultimi due sondaggi più importanti sul gradimento dei candidati sindaci, mentre la cifra più interessante sarebbe stata quella per la mega consulenza per la campagna del collaboratore di Jim Messina, stratega di Obama, inviato al comitato milanese di Sala da Matteo Renzi, ora che le cose iniziano a farsi difficili.

A lui sarebbe stato staccato un assegno di 48mila euro, che si aggiungerebbero ai 100mila dell’ingaggio di Messina, per sostenere il prossimo importante banco di prova su cui Renzi ha messo in gioco la sua stessa leadership: la campagna referendaria che in autunno stabilirà le sorti della riforma costituzionale varata dal governo.

Eppure i consigli del ricco consulente sembrano non essere particolarmente attagliati alla realtà milanese. Nell’ultimo focus di domenica si sarebbe parlato di strategie per raccogliere e motivare i volontari, di piano per le call to action e la raccolta dati dei residenti nei 40 quartieri, e di operazioni molto americane come il “ring the bell” (suonare alla porta di ciascun elettore per convincerlo del voto) o il “gimme five”: metodi forse un po’ troppo ritagliati sulla cultura americana, rispetto alla natura del territorio meneghino.

I 120mila euro raccolti invece nell’ultima grande cena al Marriot per Beppe Sala confluiranno nelle casse del pd milanese che ne destinerà una parte alla campagna del manager Expo.

Tags:
milanocampagnasalapdconsulenti

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

i blog di affari
Il Nord che teme la meridionalizzazione del Paese
di Ernesto Vergani
La comunicazione nel canto e del corpo: 3 cose da sapere
di Giancarlo Genise
Amori IncondizioNATI. Mostra fotografica a cura di Francesca Musarò
di Paolo Brambilla - Trendiest

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.