La Velina

Di Paola Bacchiddu

A- A+
La Velina
Parisi, il patto Salvini-Alfano. Il Carroccio è in rivolta. Velina

Lo scontento della base leghista, dopo la visita di Alfano al Marriot di Milano, a fianco di Parisi, sembra non arrestarsi. Anzi, si è tramutata in furia e ha contagiato anche parte della dirigenza. Tanto più che il leader Matteo Salvini continua a tacere. Le solite veline, che tutto sanno e poco capiscono, hanno riferito ad Affaritaliani.it Milano che Salvini non risponderebbe più al telefono neppure ai suoi, subissato dalle proteste.

Ma perché il segretario della Lega sembra avere cambiato idea così repentinamente? Pare che nulla sia casuale, perché in ballo, sul piatto, c’è qualcosa di molto più grosso: la tenuta della coalizione di centrodestra in regione Lombardia, dopo lo scandalo delle mazzette nella sanità. Molti sono pronti a scommettere che l’attuale giunta abbia i giorni contati: con l’imprenditrice Paola Canegrati, in carcere, pronta a collaborare, in Regione molti tremano. Già in queste ore pare stia facendo rivelazioni in grado di travolgere nomi importanti in Forza Italia, come Affaritaliani.it Milano aveva anticipato ieri.

Sarebbe quindi stato, in tutta fretta, un accordo tra Berlusconi e Alfano, con buona pace di Salvini: Ncd non sfiducerà Maroni in Regione (si voterà a marzo, con la mozione già annunciata delle opposizioni) e in cambio Salvini non si opporrà alla presenza del partito centrista e del suo leader nazionale Alfano, nelle amministrative milanesi.

Pare che i collateralismi del pasticcio lombardo siano giunti a toccare perfino le latitudini romane: ieri i militanti leghisti nella capitale denunciavano l’immprovvista frenata ai lavori di organizzazione dei gazebo, lanciati da Salvini per sondare nel suo elettorato l’effettivo gradimento del candidato sindaco Bertolaso. E anche una strana convergenza di dichiarazioni alle agenzie - prima Giorgia Meloni, poi Giovanni Toti - all’indirizzo di Salvini, per invitarlo a chiudere in fretta la questione Bertolaso, sembrava più che una coincidenza.

E nel baillame, intanto - mentre in città spuntano come funghi mega cartelloni elettorali con la faccia e il nome di Stefano Parisi - si parla anche di nomi per le liste: sembra già decisa, accanto alle candidature dei big, anche quella dell’ex senatore Enrico Pianetta, vice Presidente Seniores di Forza ItaliaLombardia, fortemente voluto da Silvio Berlusconi. Certo non un volto giovane come si era riproposto l’ex premier, pochi giorni fa, quando aveva parlato di ragazzi brillanti da mandare avanti.

Tags:
parisipattosalvinialfanocarroccio
Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

i blog di affari
La violenza dei Gilet Gialli? E quella del sistema economico capitalistico?
di Diego Fusaro
Apre Tàscaro, il bàcaro che porta la tradizione veneta a Milano
di Paolo Brambilla - Trendiest
Ferragnez nuovi Re Mida: trasformano la vita in fatturato
di Maurizio de Caro


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.