A- A+
Milano
Lega: difesa Renzo Bossi, laurea Albania non e' mai esistita

Lega: difesa Renzo Bossi, laurea Albania non e' mai esistita

Della laurea in Albania non sono mai stati trovati i pagamenti: non ci sarebbe traccia degli oltre 77 mila euro con cui il figlio del fondatore della Lega Nord si sarebbe comprato il titolo di studio. Questo uno degli elementi portanti della difesa di Renzo Bossi nel processo che lo vede coinvolto per l'uso dei fondi del partito. L'avvocato Carlo Beltrani, oggi ha arringato davanti alla giudice dell'ottava sezione penale del tribunale di Milano, Maria Luisa Balzarotti, puntando sulla non concordanza degli indizi raccolti dall'accusa, che "ha dato credibilita' ad un personaggio come Belsito", facendolo diventare un "paladino della giustizia".

Pagamenti "non ancora identificati", come ammesso - stando sempre a quanto sostenuto dal legale - da uno dei consulenti dell'accusa stessa e da chi ha effettivamente portato avanti le indagini. Per altro, ha sottolineato Beltrani, su uno dei certificati di laurea "la data di nascita di Renzo Bossi era sbagliata", senza contare che "in Albania si studia nella lingua locale, e quindi avrebbe dovuto scrivere addirittura una tesi in albanese". Il "Trota" e' stato descritto come un "ragazzo che non aveva il pelo sullo stomaco che aveva il padre al tempo", ma anzi e' stato "gettato nel fango di questo processo".

Un fango in cui, invece, un personaggio come Francesco Belsito "sguazza": "Sarebbe stato utilissimo sentirlo - ha aggiunto - invece si e' trincerato dietro dichiarazioni spontanee, mentre Renzo Bossi ha sempre risposto alle domande". Sarebbe dunque un "bugiardo" l'ex tesoriere del Carroccio, che e' stato protagonista di "una scalata sociale pazzesca", da "autista a sottosegretario di Stato" e che "dice di avere due lauree, una a Londra e una a Malta, e un diploma preso a Napoli" su cui sono stati in passato avanzati dei dubbi.

Dell'Albania, dunque, secondo la difesa, sapeva solo lui, salvo poi inserire i documenti in una cartelletta con sopra il nome dell'erede di casa Bossi: il solo fatto che queste carte fossero in quel fascicolo ha costituto, a detta del legale, l'appiglio per accusare il ragazzo, ex consigliere regionale, di appropriazione indebita. Si attende ora la prossima udienza, il 22 maggio, quando parlera' l'avvocato Matteo Brigandi, ex parlamentare della Lega, che difende Umberto Bossi. La sentenza e' attesa invece per il 10 luglio. 

Tags:
lega bossispeserenzo bossilaurea albania bossi









A2A
Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

i blog di affari
Alimentarsi bene per stare in forma
di Barbara Cappelli
Andrea Enria alla presidenza della Vigilanza BCE
La fronda grillina sul caso Ischia-Genova una minaccia per l’alleanza pentaleghista e per la stabilità del governo Conte
di Angelo Maria Perrino

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.