Lo Spillino

di Mario Rossi

A- A+
Lo Spillino
Ema, Sala sente puzza di bruciato: finirà tutto in una bolla di sapone?
Ema, l'Agenzia Europea del Farmaco
Advertisement

A Ferragosto il sindaco va dagli “ultimi”, da sempre. Ma Beppe Sala se la prende col governo perché non ha spostato la sede della Consob a Milano. Sullo sfondo le autority da catturare causa post Brexit. La verità è che anche Sala, come Maroni sente puzza di bruciato. L’Italia ne ha già due di Autority e con l’Europa il governo dovrà affrontare temi assai più spinosi (debito). E così la caciara messa su da Sala e Maroni per portare a Milano l’Agenzia del farmaco rischia di finire in una bolla di sapone. La Consob resta a Roma, l’Ema se ne va al Nord (Europa) e Milano si dovrà accontentare di Moda e Design.

di Mario Rossi

Tags:
beppe salaema milanoagenzia farmaco milanoconsob milano
Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

i blog di affari
La visita di Trump a Londra e la “relazione speciale” U.S.A. – Regno Unito
di Mario Angiolillo
Gad Lerner dice che la sinistra ha dimenticato gli operai? La verità è che li ha traditi
di Diego Fusaro
Iran bersaglio prescelto dall'imperialismo atlantista
di Diego Fusaro


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.