A- A+
Milano
Logistica, la grande crisi dei diritti. ”Usare i bikers, ma con giudizio"

di Daniele Bonecchi

IMPRESE-LAVORO.COM 

All’inizio della settimana un lungo sciopero nazionale degli addetti alla logistica e alla consegna delle merci proclamato dai sindacati confederali, con un’adesione che ha sfiorato il 100%. Sul tavolo il contratto ma anche forme di lavoro fuori dagli schemi e una città, Milano, in sofferenza ambientale.

“O si colgono le profonde trasformazioni che sono in atto oppure questo settore farà a meno di chi lo rappresenta”, spiega Luca Stanzione, segretario milanese della Filt Cgil. “L’economia digitale è una novità che ha condizionato le vite di tutti e ha travolto il settore del trasporto delle merci imponendo a tutti grandi cambiamenti. La Logistica non è più una funzione marginale della produzione industriale o della commercializzazione ma è essa stessa determinante nella definizione del valore di un prodotto. Per questo servono regole nuove e un contratto nazionale che sia strumento di questo cambiamento”.

Ma logistica vuol dire anche lavoro per i giovani. Quali sono le vostre proposte ai grandi gruppi come DHL o Amazon, due facce della stessa medaglia?

“L’avvento dell’ “economia della connessione” ha imposto alle aziende l’utilizzo di nuove figure professionali caratterizzate da una più alta specializzazione e una maggiore propensione al continuo cambiamento. – spiega Stanzione - Ci sono due strade: rendere possibile l’accesso dei giovani nelle aziende attraverso piani di accompagnamento alla pensione dei lavoratori che negli ultimi anni si sono visti allungare l’età pensionabile e con essa l’angoscia personale di non riuscire fisicamente a fornire la produttività necessaria. Al contempo è necessario un forte piano di investimenti per la riconversione e l’aggiornamento professionale di quei lavoratori che hanno davanti una lunga attività lavorativa e hanno visto negli ultimi anni uno straordinario dinamismo delle proprie aziende. Dovrebbero essere questi i temi con cui confrontarsi nella trattativa del contratto nazionale invece è due anni che le associazioni di rappresentanza delle aziende non colgono le opportunità del settore ma sono alla ricerca unicamente del risparmio sul costo del lavoro. Il sindacato è pronto a fare la sua parte se c’è qualcuno batta un colpo”.

Nelle grandi città come Milano Logistica vuol dire misurarsi coi problemi ambientali. Il sindacato ha una ricetta?

“La Regione e il Comune possono davvero fare la differenza. Per esempio si potrebbero sperimentare alcune scelte che riguardano il cosiddetto ultimo miglio. Oggi il traffico delle merci a Milano non ha una reale politica degli orari e questo alimenta un’oggettiva congestione della città. Sull’utilizzo dei bykers il sindacato e le istituzioni devono cogliere le novità. Noi dobbiamo fornire gli strumenti contrattuali affinché sia possibile l’utilizzo di mezzi diversi per la consegna nelle case e nelle attività commerciali, si tratta di inserire nel contratto nazionale del trasporto merci alcune nuove figure e al contempo costruire regole nuove sugli orari di lavoro. Amazon è l’esempio – a Milano – di come sarà nel futuro il mercato della distribuzione dei prodotti in città: un centro logistico dentro i confini dell’urbano e medio piccoli mezzi di distribuzione”, conclude Stanzione.

Tags:
logisticacontratti









A2A
Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

i blog di affari
NAPOLI TECH UNA SCIA DI STARTUP DIETRO APPLE & CO.
di Anna Capuano
Reddito di cittadinanza? Meglio investire sui centri per l'impiego
di Massimo Puricelli
"Merkel-Macron, principi feriti dell'Ue". Repubblica sempre fedele ai potenti
di Diego Fusaro

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.