A- A+
Milano
Luigi Calabresi, commemorazione alla questura di Milano
Advertisement

"La solitudine è la condizione peggiore che un servitore dello Stato possa vivere". Il capo della polizia, Franco Gabrielli, ha iniziato così il suo intervento nel piazzale della Questura di Milano per la 46/ma commemorazione della morte del commissario Luigi Calabresi, ucciso da un commando di Lotta Continua nel 1972. Presenti, fra gli altri, la vedova Gemma Capra, i figli Mario, direttore di 'Repubblica', Paolo e Luigi, il presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana e il questore Marcello Cardona.

"Nel 1972 avevo 12 anni e già iniziavo ad accarezzare l'idea di entrare in polizia - ha detto Gabrielli -. È evidente che la vicenda di Calabresi ha segnato anche la mia storia e per questo sono molto emozionato di essere qui. Quando un servitore dello Stato vive la distanza, molto spesso muore prima che una mano tiri il grilletto. Ma per fortuna tanta strada è stata fatta".

Tags:
luigi calabresi







A2A
Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

i blog di affari
Artigianato e musica. Due bei progetti di crowdfunding in Lunigiana
di Paolo Brambilla - Trendiest
Mental coach: ecco chi è e perché è importante in ambito sportivo
di Barbara Cappelli
Caldaie: circa 70 euro per mettersi in regola (ed evitare sanzioni)

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.