A- A+
La M4 in un click
M4, Comune e MM: “Lavori in linea coi tempi”. Le interviste di Affari
Fabio Terragni

di Gianluca Maggiacomo

Affaritaliani.it ha visitato i cantieri della linea metropolitana M4. Nell’occasione abbiamo intervistato Pierfrancesco Maran, assessore alla mobilità del comune di Milano, Fabio Terragni, Presidente di M4 Spa, e Marco Broglia, direttore dei lavori di MM Spa.

FotomaranPierfrancesco Maran
 

L'INTERVISTA A PIERFRANCESCO MARAN

Assessore Maran, è soddisfatto di come stanno andando i lavori della M4?

“Assolutamente sì. Siamo ad un buon punto. I lavori stanno andando avanti, anche se negli scorsi mesi se ne è parlato poco”.

Teme disagi quando i lavori arriveranno in centro?

“No, non siamo preoccupati. La chiusura di San Babila comincerà a primavera e per quella data avremo già il piano per dare delle risposte adeguate ai cittadini del centro e a chi in quella zona lavora”.

C’è già un piano per gestire questa fase?

“Ci stiamo lavorando. Qualche proposta c’è. Di sicuro, però, aver ridotto drasticamente il traffico in centro negli ultimi anni sarà di aiuto per i cantieri”.

Non teme il malcontento dei residenti?

“Milano ha una lunga esperienza nella gestione dei cantieri della metropolitana. Sono certo che riusciremo a far fronte al meglio ai disagi. Anche perché il beneficio di collegare aree così importanti della città l’una con l’altra vale bene qualche sacrificio”.

L'INTERVISTA A FABIO TERRAGNI

Sulla stessa linea dell’assessore Maran le parole di Fabio Terragni, Presidente di M4 Spa.

Terragni, i lavori della futura stazione di Linate sono a un buon punto. E il resto del cantiere, come lo valuta?

“Siamo in linea con le previsioni. Avevamo messo in conto 88 mesi di lavori a partire da gennaio 2015 e così sarà. Anzi, le dirò di più: stiamo spingendo per accelerare un po’ e consegnare il tutto con un po’ d’anticipo. vedremo. Peccato aver rallentato i lavori per non intralciare Expo 2015, ma era necessario”.

Come inciderà la M4 sulla vita di Milano?

“Ci sarà un grosso riscontro. Con questa linea collegheremo l’est con l’ovest della città. Consentiremo a chi arriva all’aeroporto di Linate di arrivare direttamente in centro. Secondo le nostre previsioni saranno oltre 80 milioni i passeggeri che ogni anno saliranno su questa tratta”.

Torniamo ai lavori. Si teme l’impatto che i cantieri potranno avere una volta che arriveranno nel centro città.

“Capisco i timori ma siamo preparati a questa situazione. L’esperienza che abbiamo accumulato nei cantieri nella parte esterna della città ci ha portato a ottimizzare i lavori in modo da arrecare meno danni possibili ai cittadini. La nostra previsione è di avere il minor impatto possibile sul contesto circostante”.

Come prevede di riuscirci?

“L’esempio è quel che abbiamo fatto nella zona Lorenteggio. Anche in quel caso c’erano molti timori per la viabilità, ma siamo sempre riusciti a salvaguardare a viabilità del quartiere”.

Sarà così semplice anche per una zona come piazza San Babila?

“Ci proveremo, è nostro interesse riuscirci. Ed è proprio per questo che stiamo già da tempo lavorando con il Comune”.

Visto lo stato dei lavori attuali, riuscirete a rispettare le consegne nel 2021?

“Credo proprio di sì”.

L'INTERVISTA A MARCO BROGLIA (direttore dei lavori di MM Spa)

Ingegnere Broglia, in questa prima fase di lavori avete incontrato particolari problemi?

“In realtà, al di là dei ritardi per via di Expo 2015, devo dire che tutto sta filando liscio, come da nostre previsioni”.

Qual è la parte più complicata nel costruire una linea di metrò?

“Normalmente è la costruzione della stazione. Per il resto, e cioè per gli scavi, abbiamo le talpe Tbm (tunnel boring machine, ndr) che fanno un grosso lavoro”.

Ci può spiegare come funziona la talpa?

“La Tbm prima di entrare in funzione necessita di un lungo lavoro di preparazione del terreno, che va bonificato e reso adatto al passaggio di questo macchinario che è in grado di percorrere 25 metri al giorno. La talpa buca e, allo stesso tempo, riveste le parti in cui è passata”.

Il prossimo tragitto della talpa attraverserà il sottosuolo di viale Argonne. In questa zona c’è stata, nei mesi scorsi, una accesa polemica con i residenti per il taglio degli alberi.

“Sì. Avevamo promesso che avremmo mantenuto intatti i due filari di alberi esterni al viale e così è stato. Non li abbiamo toccati e non lo faremo in futuro”.

Tags:
m4comune

i blog di affari
NAPOLI TECH UNA SCIA DI STARTUP DIETRO APPLE & CO.
di Anna Capuano
Reddito di cittadinanza? Meglio investire sui centri per l'impiego
di Massimo Puricelli
"Merkel-Macron, principi feriti dell'Ue". Repubblica sempre fedele ai potenti
di Diego Fusaro

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.