A- A+
La M4 in un click
M4, rimozione dei tiranti dei parcheggi sotterranei in piazza Risorgimento
Le talpe del cantiere M4

Entrano nel vivo i lavori nel cantiere di piazza Risorgimento. Da giovedì prossimo, infatti, inizierà la fase di realizzazione dei diaframmi.

Durante la realizzazione dei due parcheggi interrati presenti sotto la piazza erano stati posizionati dai costruttori degli stessi, com’è prassi, dei tiranti, utili a sostenere il terreno nella prima fase di costruzione dell’opera, ossia prima della realizzazione definitiva della struttura in cemento armato.

I vecchi tiranti dei parcheggi interferiscono ora con la costruzione delle gallerie della M4, la nuova metropolitana di Milano, e per questo motivo è necessario procedere con la loro rimozione per scongiurare il rischio di danni alle frese delle Tbm, le cosiddette talpe, e conseguentemente provocare notevoli ritardi nel cronoprogramma dei lavori.

I diaframmi, la cui realizzazione durerà circa due mesi, sono pareti di cemento (in questo caso specifico non armato) che sostengono il terreno e sono previste in tutte le stazioni della linea blu.

Il cantiere di piazza Risorgimento è già attivo da qualche settimana, in quanto si sono svolte attività propedeutiche come lo spostamento dei sottoservizi. Per consentire l’ampliamento dell’area di scavo per la realizzazione dei diaframmi, dai prossimi giorni sarà necessario intervenire su alcune piante.

Secondo i tecnici, 20 piante saranno messe a dimora temporaneamente in un vivaio per essere ripiantumate in piazza Risorgimento al termine dei lavori. Cinque piante verranno invece destinate al complesso scolastico di via Rombon. Mentre un massimo di 18 piante verranno rimosse e sostituite entro primavera. Nel corso delle lavorazioni sarà verificata la possibilità di ridurre il numero di questo intervento.

Da un punto di vista viabilistico, la circolazione lungo l'asse corso Indipendenza -corso Concordia sarà sempre possibile da Est a Ovest e viceversa (periferia-centro e ritorno).

Dall’ultima settimana di settembre e fino alla fine della prima settimana di ottobre, invece, il cantiere restringerà parte della carreggiata nel tratto della piazza tra via Pisacane e via Fiamma. Di conseguenza, la circolazione proveniente da via Carlo Pisacane dovrà deviare, percorrendo tutta piazza Risorgimento per poi girare a destra e proseguire verso via Galvano Fiamma o corso Indipendenza. La circolazione proveniente da via Galvano Fiamma e destinata a via Carlo Pisacane, invece, resterà invariata.

Successivamente, con la riapertura di tutta la carreggiata che collega via Fiamma e via Pisacane, chiuderà fino a fine ottobre il tratto di piazza Risorgimento tra via Calvi e via Poerio collegando il cantiere di piazza Risorgimento con quello di corso Concordia.

Il cantiere concluderà i lavori e la piazza tornerà completamente fruibile con il mese di dicembre a conclusione delle attività di ripristino ante operam.

Tags:
m4metro4 milanocantiere m4 milano piazza risorgimento
i blog di affari
Caso Bibbiano, odioso approfittare della fiducia dei bambini
di Ernesto Vergani
Pignoramento del Fisco: dopo 60 giorni è INEFFICACE
Shanghai lancia lo Star Market, ed è subito un grande successo
di Paolo Brambilla - Trendiest


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.