A- A+
Milano
Milano, tragedia per un selfie: 15enne precipita da 25 metri e muore

Si era arrampicato per gioco insieme ad un gruppo di amici tutti minorenni sul tetto del cinema Skyline al centro commerciale Sarca, a Sesto San Giovanni, il 15enne precipitato ieri sera per un tragico incidente intorno alle 22.30 in una condotta di aerazione alta 30 metri. Lo riferisce la Polizia di Stato che sta eseguendo le indagini.

Il gruppo di minori aveva scavalcato le recinzioni del centro commerciale per conquistare la cima dello Skyline e con un selfie di gruppo immortalare quel momento. Ma il gesto si è trasformato in tragedia. Mentre riscendevano l'adolescente non si è infatti accorto del condotto al livello del pavimento ed è precipitato. Gli amici del ragazzo hanno immediatamente chiamato i vigilantes che a loro volta hanno chiesto l'intervento immediato dei vigili del fuoco. Ardua la ricerca del giovane lungo la condotta. Una volta estratto dai vigili del fuoco, il 15enne è stato portato in condizioni disperate al Niguarda, dove è morto.

"Stavamo camminando e non l'abbiamo piu' visto. Abbiamo provato a chiamarlo al cellulare, ma non rispondeva". E' quanto emerge dai racconti degli amici di Andrea Barone, morto ieri notte dopo essere precipitato in una condotta dell'aria dal tetto del centro commerciale Sarca, a Sesto San Giovanni, alle porte di Milano. I ragazzi - stando al racconto di un parente - nel pomeriggio erano andati allo stadio a vedere la partita. Andrea, che era anche capitano di una squadra di calcio locale, era tifoso dell'Inter e tesserato. Poi sono andati al multisala del megastore, quindi, per una bravata, hanno deciso di salire sul tetto: dal parcheggio, prendendo le scale di metallo antincendio, sono arrivati sul tetto, poi hanno salito altri tre gradini e si sono trovati vicini al parapetto. Si sono sporti, forse, per riuscire vedere un concerto che - stando a quanto riferito - si stava svolgendo nel locale all'aperto adiacente al centro commerciale. Il vuoto del grosso tubo della condotta non era visibile al buio, ed e' li' che Andrea e' precipitato: in uno spazio largo circa 1 metro e quaranta.

Il padre: "Voglio verità e giustizia". Inchiesta per omicidio colposo

Alessandro Barone, padre di Andrea, ha commentato: "Voglio verità e giustizia per mio figlio. Non era un amante dello sport estremo, a 15 anni era già un uomo. Invece di proteggere i colossi che cerchino la verità, una botola di un metro e mezzo aperta su un tetto non ci deve essere". La procura di Monza ha aperto un'inchiesta per omicidio colposo, al momento non ci sono indagati, ma l'intento dei magistrati, spiega il procuratore di Monza Maria Luisa Zanetti, è "accertare se vi siano state o meno responsabilità".

Commenti
    Tags:
    milanoquindicenne selfiesesto san giovanni


    A2A
    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    i blog di affari
    Economia e management secondo Corsera e Bocconi. Una nuova collana editoriale
    di Paolo Brambilla - Trendiest
    La verità dietro il caso Casalino-Mef
    di Angelo Maria Perrino
    Giancarlo Prandelli a Pisacane Arte. "Mani in Pasta" gli dedica ... una pizza
    di Paolo Brambilla - Trendiest

    Abiti sartoriali da Uomo, Canali

    Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.