Milano/ Consulenze d'oro: la Moratti condannata dalla Corte dei Conti

Mercoledì, 25 marzo 2009 - 12:37:00


LO SPECIALE DI AFFARI

Consulenze d'oro/ Nuova indagine su Letizia Moratti

Incarichi d'oro/ La Moratti: "Completa fiducia nella magistratura"

Il sindaco Letizia Moratti è stato condannato dalla Corte dei Conti nell'ambito del procedimento sulle cosiddette consulenze d'oro. La sentenza emessa dalla Corte dei conti a carico del sindaco Letizia Moratti, della giunta e di alcuni dirigenti di Palazzo Marino ha riconosciuto l'attenuante del vantaggio per la comunità amministrata, ovvero il fatto che i consulenti assunti in modo ritenuto illegittimo hanno comunque svolto il lavoro che gli era stato affidato. Per questo motivo il danno calcolato è molto inferiore alla richiesta complessiva pari a 7 milioni e 141mila euro fatta dal pubblico ministero Claudio Chiarenza. Moratti è stata condannata a risarcire il danno diretto per il conferimento di incarichi esterni a persone non laureate e dunque ritenuti illegittimi con 57mila euro. Per la stessa voce di danno sono stati condannati l'ex direttore generale di Palazzo Marino Gianpietro Borghini (19mila euro) e l'allora direttore centrale responsabile del settore risorse umane Federico Bordogna (14.250).



Letizia Moratti

Con loro, per poche centinaia di euro, anche diversi assessori. In merito alla seconda voce di danno, relativa alla nomina di Carmela Madaffari a dirigente responsabile della Direzione centrale Famiglia e politiche sociali nonostante la pendenza della sospensione da direttore generale dell'Asl di Locri, il sindaco ß stato condannato al risarcimento di 21.712 euro, mentre Borghini e Bordogna a 7.237. Infine, per quanto riguarda la voce relativa al cosiddetto doppio incarico assunto da Borghini e Alberto Bonetti Baroggi quando sono stati nominati rispettivamente direttore generale di Palazzo Marino e capo di gabinetto, mentre erano giÖ consiglieri regionali, la condanna per loro ß rispettivamente di 70.227 euro e di 9.365 euro perchá hanno aggirato il divieto del cumulo degli stipendi. La Corte non ha riconosciuto il danno di immagine per un vizio procedurale (sarebbe stato contestato tardivamente). Disposto inoltre un supplemento di indagine per la questione dell'ufficio stampa, dove secondo la procura sarebbero state date qualifiche che nel pubblico impiego non esistono.

0 mi piace, 0 non mi piace

Commenti


    
    Titoli Stato/ Collocati 6,5 mld Btp, tassi a minimi record
    Riforme/ Guerini (Pd): verso elezione indiretta Senato
    Alitalia/ Uilt, non arrivata lettera da Etihad
    Riforme/ Renzi: se non si trova sintesi pronto a passo indietro
    Milan/ Berlusconi: vendita club fantasia altrui
    Mps/ Grillo: questa e' la mafia del capitalismo
    Mps/ Grillo, facciamo casino per fare un po' di trasparenza
    Berlusconi/ Vede foto Merkel e dice "Aridatece Kohl"
    LEGGI TUTTE LE ULTIMISSIME

    LA CASA PER TE

    Trova la casa giusta per te su Casa.it
    Trovala subito

    Prestito

    Finanziamento Agos Ducato: fai un preventivo on line
    SCOPRI RATA

    BIGLIETTI

    Non puoi andare al concerto? Vendi su Bakeca.it il tuo biglietto
    PUBBLICA ORA