Milano/ Muore a 15 mesi: 4 medici indagati per omicidio colposo

Lunedì, 29 giugno 2009 - 19:14:00


Procedimento con rito abbreviato in corso per tre medici della clinica De Marchi e un medico di base in relazione alla morte per insufficienza cardio- respiratoria di una bimba di 15 mesi nel novembre 2007. I quattro imputati sono accusati dal pubblico ministero Ilda Boccassini di cooperazione in omicidio colposo. La piccola era stata ricoverata il 19 novembre 2007, perché mangiava poco e vomitava frequentemente. Il giorno successivo era morta. Secondo l'accusa la causa è da ravvisarsi in una "progressiva e aggravata insufficienza respiratoria, non adeguatamente e tempestivamente trattata dai sanitari", si legge nella richiesta di rinvio a giudizio. In particolare, il medico di turno del pronto soccorso non avrebbe "evidenziato da subito la necessità di un supporto ventilatorio artificiale", mentre l'anestesista del reparto di rianimazione non avrebbe richiesto "un trattamento efficace che ancora in quel momento avrebbe potuto salvare la bambina".

Invece al medico di guardia in pediatria, il pm contesta di non aveva predisposto "un trattamento intensivo" che avrebbe "migliorato l'ossigenazione" e al medico di base che l'aveva accompagnata alla clinica di non aver rilevato "il peggioramento del quadro clinico", perchá "visionava la radiografia appena eseguita senza però confrontarla", con quella di un precedente ricovero della piccola risalente al mese precedente per la medesima patologia polmonare. Tuttavia, secondo una perizia d'ufficio disposta dal gup Simone Luerti, davanti al quale si è incardinato il procedimento, ß difficile stabilire se una condotta diagnostica e terapeutica diversa avrebbe salvato la bimba. In particolare, i periti hanno evidenziato come la piccola avesse già contratto una serie di gravi infezioni polmonari e avesse già passato più di tre mesi in ospedale. Di più, la morte sarebbe stata causata da uno scompenso cardiaco acuto, a cui avrebbero contribuito una grave ipertensione polmonare, la polmonite e la broncopolmonite di cui soffriva. Riguardo al ruolo del medico di base, una dottoressa che seguiva la bambina da 6 mesi circa, la perizia ha evidenziato che non poteva e non era tenuta a seguire diversamente l'evoluzione del caso, per come si era presentato. "È una vicenda molto triste che addolora tutti - ha spiegato l'avvocato Davide Steccanella, che difende il medico di base - ma ritengo che alla mia assistita non posso essere addebitato alcun profilo di colpa, come hanno riconosciuto oggi anche i periti d'ufficio". La prossima udienza è fissata per il 22 settembre.

0 mi piace, 0 non mi piace

Commenti


    
    Titoli Stato/ Collocati 6,5 mld Btp, tassi a minimi record
    Riforme/ Guerini (Pd): verso elezione indiretta Senato
    Alitalia/ Uilt, non arrivata lettera da Etihad
    Riforme/ Renzi: se non si trova sintesi pronto a passo indietro
    Milan/ Berlusconi: vendita club fantasia altrui
    Mps/ Grillo: questa e' la mafia del capitalismo
    Mps/ Grillo, facciamo casino per fare un po' di trasparenza
    Berlusconi/ Vede foto Merkel e dice "Aridatece Kohl"
    LEGGI TUTTE LE ULTIMISSIME

    LA CASA PER TE

    Trova la casa giusta per te su Casa.it
    Trovala subito

    Prestito

    Finanziamento Agos Ducato: fai un preventivo on line
    SCOPRI RATA

    BIGLIETTI

    Non puoi andare al concerto? Vendi su Bakeca.it il tuo biglietto
    PUBBLICA ORA