A- A+
Milano
Minibond, investimenti e credito alle pmi: workshop al Politecnico
Minibond

Il nodo del credito alle pmi e la dipendenza delle imprese dal rubinetto del canale bancario è uno dei temi caldi sul tavolo del Tesoro che vorrebbe allargare la platea di investitori pronti a credere direttamente nelle aziende nazionali. Del tema se ne è parlato stamane al convegno organizzato dal Politecnico di Milano, nell’ambito dell’osservatorio sui Mini-Bond con la partecipazione dell’agenzia di rating Cerved, il Fondo Italiano d’Investimento, la compagnia americana Adp e Tenax Capital, tra i più importanti investitori con fondi ad hoc in questi strumenti. I minibonds sono obbligazioni quotate  emesse da aziende piccole e soprattutto medie Italiane ed hanno un taglio molto variegato fra i €1M ed i €50M. Dalla loro introduzione nel 2013, ci sono state 170 emissioni per un totale di ca. €1.5BN. Ai minibonds occorre però aggiungere gli investimenti in private debt e/o direct lending, ovvero strumenti di debito non quotati, sottoscritti tipicamente da fondi di investimento specializzati ed assicurazioni.

Il totale di finanziamenti erogati via minibonds e private debt, si compara con ca. €300BN di finanziamenti erogati in Italia dalle banche alle piccole e medie imprese, di cui ca. 80% a medio lungo termine. Ne deriva che da un lato  il mercato per questi strumenti e’ ancora relativamente piccolo e minore rispetto al canale bancario, ma sia la disponibilità di investimento dei fondi specializzati che il rapido disimpegno delle banche dal segmento dei finanziamenti a medio lungo verso le PMI, supportano una forte domanda da parte delle imprese e quindi tassi di crescita registrati quasi esponenziali.

Il workshop prova a fare il punto sulle caratteristiche di questi strumenti e sui progressi fatti anche alla luce di una serie di interventi normativi recenti ed atti a rendere sia il sistema di garanzie a favore degli investitori che le procedure di escussione delle stesse piu’ efficienti e veloci a favore dei creditori. “L’erogazione di credito a medio lungo termine alle piccole e medie imprese italiane non può prescindere da una rigorosa analisi del credito o due diligence e da un sistema legale di garanzie come il pegno, privilegio o ipoteche per massimizzare le possibilità di recupero in caso di default. Le  norme in questione sono spesso complicate ed eterogenee ma gli interventi legislativi degli ultimi anni sono in linea con le best practice internazionali e quindi benvenuti ma resta ancora da fare” dichiara Vito Ronchi, Senior Portfolio Manager Tenax Capital e gestore del fondo credito della società londinese che ha al suo attivo sette investimenti diretti in pmi italiane.

Tags:
minibondpolitecnico di milanopmi


A2A
Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

i blog di affari
Algeria, e ora chi risarcirà Scaroni e l’Eni?
di Angelo Maria Perrino
Tutti i must e le tendenze dell'autunno 2018
Twins e Giulia Nati alla Milan Fashion Week Women’s 2018
di Paolo Brambilla - Trendiest

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.