A- A+
Milano
"Operata da Calori: 40mila euro e da allora mi serve il bastone". VIDEO
Tina Bassi
Advertisement

di Max Rigano

"Operata da Calori: 40mila euro e da allora mi serve il bastone". VIDEO

Si chiama Tina Bassi, ha 85 anni portati benissimo. Due anni fa, uscendo da un noto teatro milanese, inciampa su di un filo sulle scale. Cade e si rompe un femore. Immediatamente ricoverata al Pini di Milano, viene presa in cura dal professor Giorgio Maria Calori, il quale già il giorno successivo fa trasferire la signora alla Columbus dove viene operata. La testimonianza della donna, in esclusiva per Affaritaliani.it Milano, ben sembra raccontare del modus operandi del professore, primario di ortopedia del Gaetano Pini-Cto dell'Unita' chirurgia ricostruttiva - revisione protesica, recentemente travolto dall'inchiesta che ha portato all'arresto ai domiciliari per lui e altri tre medici, oltre che per un imprenditore e per Paola Navone, direttore sanitario dell'Istituto ortopedico Gaetano Pini-Cto. QUI LA VIDEOINTERVISTA.

La paziente ha la residenza in Svizzera e può quindi beneficiare in territorio elvetico dell'assistenza sanitaria gratis oltre che della necessaria terapia post operatoria. Nel racconto della signora però si evince con chiarezza che il professor Calori si oppose. Ciò malgrado, alla luce delle problematiche emerse dal decorso post operatorio successivamente certificate proprio dai medici svizzeri che hanno diagnosticato un problema peroneo con riflessi anche sul gluteo e dunque di tipo neurologico, la signora abbandona le cure del medico italiano avendo ormai chiaro che la sua gamba sarebbe rimasta offesa e dunque costretta ad usare un bastone per camminare. Il professor Calori non è mai stato denunciato dalla signora, dunque sul piano medico nulla può essere oppugnato sulla prestazione. A distanza di anni, "per una questione morale, dice la signora, spero che almeno sia interdetto dall'attività".

Il professore si è professato assolutamente innocente davanti al Gip, rispetto alle accuse mossegli dalla Procura, per cui è attualmente esercitata verso la sua persona una misura cautelare restrittiva. Il professor Calori ha anche dichiarato "di non aver mai posto in essere atti contrari ai doveri d'ufficio".

Proseguendo il suo racconto, la signora Bassi mostra anche, documenti alla mano, quanto speso in Italia per operazione, degenza, terapie e farmaci: 40mila euro. QUI LA SECONDA PARTE DELLA VIDEOINTERVISTA

Tags:
tangenti sanitàregione lombardia sanitàgiorgio caloritina bassi







A2A
Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

i blog di affari
Artigianato e musica. Due bei progetti di crowdfunding in Lunigiana
di Paolo Brambilla - Trendiest
Mental coach: ecco chi è e perché è importante in ambito sportivo
di Barbara Cappelli
Caldaie: circa 70 euro per mettersi in regola (ed evitare sanzioni)

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.