A- A+
Milano
Palasharp, l'interrogazione in Consiglio. E Majorino ora deve rispondere
Pierfrancesco Majorino

Sobria, netta, quasi burocratica. Come tutte le interrogazioni. Ma Fabrizio De Pasquale, dopo gli articoli di Affaritaliani.it e dopo il reportage di Claudio Bernieri, va dritto al punto sul Palasharp: che cosa state facendo? A rispondere, più che il sindaco di Milano Beppe Sala, a questo punto è Pierfrancesco Majorino, che su Affaritaliani.it bollava fake news quella che invece è una realtà conclamata.

Ma andiamo con ordine. "Premesso che diversi sopralluoghi ed inchieste giornalistiche hanno testimoniato in maniera inequivocabile attraverso video ed immagini l’assoluto degrado in cui versa il PalaSharp. Osservato che il PalaSharp sembra occupato perennemente da bande di spacciatori nigeriani che gestiscono anche attività di prostituzione minorile - scrive il consigliere comunale De Pasquale, capogruppo di Forza Italia - Visto che è stata segnalata una presenza continua ed in forma abitativa di un gruppo di “custodi” legati alle attività religiose di una associazione musulmana che li ha la concessione per svolgere attività di preghiera solo il venerdì". Premesso questo, "si interroga l'assessore ai servizi sociali" (appunto: Majorino) con 6 domande ficcanti. "Perché l’edificio non è stato ancora messo in sicurezza? Perché non è stato ancora demolito qualora sia questa la decisione del Comune? Quali misure intende disporre l’Amministrazione per evitare che il luogo sia teatro non solo di attività illecite ma anche di morte e di abusi su giovani donne? Se all’Associazione a cui è stato concesso l’uso il Comune abbia concesso anche l’uso dei locali interni al PalaSharp per il pernottamento di un servizio d’ordine armato; Se sia già stato chiesto alla Autorità competenti per l’ordine pubblico lo sgombero immediato della struttura; Se la struttura di accoglienza limitrofa le cui ospiti sono coinvolte in attività di prostituzione all’interno del PalaSharp, riceva fondi comunali a sostegno della struttura stessa".

L'INCHIESTA DI CLAUDIO BERNIERI

Milano,dentro al Palasharp dove dormono le tante Desiree schiave dei nigeriani. FOTO

Milano, dentro al Palasharp: tra le tante Desiree schiave dei nigeriani. VIDEO

Il sindaco, Beppe Sala, ha dichiarato che ne avrebbe parlato proprio con Majorino a latere della giunta di ieri. A questo punto, le domande di De Pasquale diventano ancora più pregne di significato: che cosa si fa? Che cosa succede? Riuscirà Majorino, ma anche il ministro dell'Interno Salvini, a risolvere un problema creato dalla politica nella città che non è una fake news ma una vergogna per la Milano dei lustri e dei lustrini?

Commenti
    Tags:
    palasharpinterrogazioneconsigliomajorinorispondere








    A2A
    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    i blog di affari
    Il gioco di Nave Italia per aiutare le iniziative a sostegno dei disabili
    di Paolo Brambilla - Trendiest
    Imprese ICT e mercato Analytics, fatturati in salita per il tech italiano
    di Elena Vertignano
    Contro il buco di Macron, l’italiano Tajani alzi la voce
    di Angelo Maria Perrino

    Abiti sartoriali da Uomo, Canali

    Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.