Pedemontana/ Rotto il ghiaccio: al via i cantieri

Lunedì, 8 febbraio 2010 - 11:00:00

Tempo scaduto per l’era glaciale della mobilità. Autostrada Pedemontana Lombarda rompe il ghiaccio e, dopo cinquant’anni di ristagno infrastrutturale, avvia il disgelo con l’apertura dei cantieri del nuovo sistema viabilistico regionale. Collegherà le cinque province di Bergamo, Monza e Brianza, Milano, Como e Varese con 160 Km di nuove strade a una due o tre corsie, di cui 60 Km in galleria o trincea e 5 km su ponti, per un investimento totale di 5 miliardi di euro.

Un progetto nato 50 anni fa con l’obiettivo di risolvere i problemi della congestionata mobilità lombarda, di velocizzare la circolazione da e per Milano, di ridurre i tempi di trasferimento dei pendolari. Sarà pronta nel 2013 per la prima tratta e nel 2015 nel suo percorso completo.

L’inaugurazione ufficiale ci sarà oggi 6 febbraio a Cassano Magnago, alla presenza delle autorità locali e nazionali e di numerosi ospiti che hanno ribadito l’importanza e la necessità dell’opera per la crescita e lo sviluppo del territorio. Un’opera che, hanno ricordato tutti, sarà realizzata nel pieno rispetto dell’ambiente circostante e che, grazie a 150milioni di euro di compensazione ambientale, porterà, oltre alle strade, anche nuovi boschi e un milione di nuovi alberi.  


Da Bossi a Stanca, da Penati a Cantoni: chi c'era e chi no nel BlackPerri di Affari
LE IMMAGINI

"Dopo anni di lavoro a tavolino – afferma Salvatore Lombardo, Amministratore delegato di Autostrada Pedemontana Lombarda Spa - oggi cominciamo a costruire il più grande sistema viabilistico lombardo in anticipo sui tempi previsti. Un successo per tutti e di tutti, reso possibile da una grande collaborazione interistituzionale. Darà al nostro territorio una viabilità innovativa, con tempi di percorrenza molto più rapidi e un sostanziale snellimento del traffico automobilistico”.

Pedemontana Lombarda però non è dunque solo un grande progetto stradale e ambientale ma anche di innovazione tecnologica. Un esempio per tutti, il sistema di pedaggio denominato free flow basato su moderni portali elettronici che eliminano le tradizionali barriere. Con un risparmio di territorio, una maggiore velocità di percorrenza e una riduzione dell’inquinamento acustico e atmosferico. 

Soddisfatto il presidente della Provincia di Milano, Guido Podestà. "Il via ai lavori spiana la strada non solo alla realizzazione di un’opera attesa almeno da quarant’anni ma pure al consolidamento della ripresa economica già alimentata in Italia da quel motore produttivo che il territorio amministrato dalla Provincia di Milano rappresenta per il Paese. Il progetto va considerato uno strumento indispensabile per il processo di modernizzazione che deve coinvolgere la 'Grande regione urbana milanese' da 7,4 milioni di residenti classificata dagli specialisti dell’Ocse al trentesimo posto tra le 78 macroaree metropolitane del mondo. L'apertura dei cantieri ci gratifica perché lungo quest’infrastruttura anticiclica correranno la velocizzazione dei collegamenti, la qualità della vita e la tutela dell’ambiente".

0 mi piace, 0 non mi piace


Titoli Stato/ Collocati 6,5 mld Btp, tassi a minimi record
Riforme/ Guerini (Pd): verso elezione indiretta Senato
Alitalia/ Uilt, non arrivata lettera da Etihad
Riforme/ Renzi: se non si trova sintesi pronto a passo indietro
Milan/ Berlusconi: vendita club fantasia altrui
Mps/ Grillo: questa e' la mafia del capitalismo
Mps/ Grillo, facciamo casino per fare un po' di trasparenza
Berlusconi/ Vede foto Merkel e dice "Aridatece Kohl"
LEGGI TUTTE LE ULTIMISSIME

LA CASA PER TE

Trova la casa giusta per te su Casa.it
Trovala subito

Prestito

Finanziamento Agos Ducato: fai un preventivo on line
SCOPRI RATA

BIGLIETTI

Non puoi andare al concerto? Vendi su Bakeca.it il tuo biglietto
PUBBLICA ORA