A- A+
Milano
Pio Albergo Trivulzio, Affittopoli: Cassazione conferma le condanne
milano pio albergo trivulzio

Pio Albergo Trivulzio, Affittopoli: Cassazione conferma le condanne


La Corte di Cassazione ha confermato la condanna nei confronti di Carlo Trabucchi e Fabio Nitti, rispettivamente ex presidente ed ex direttore generale del Pio Albergo Trivulzio, per i reati di abuso d'ufficio e turbativa per aver svenduto il patrimonio immobiliare dell'ente in violazione di normative e procedure di gara. E' stata anche confermata la condanna nei confronti di Carlo Antonio Mobilia, gia' direttore generale della Asl di Milano e poi dell'Azienda Ospedaliera San Carlo, in qualita' di beneficiario di una vendita di immobile, confermando il diritto del PAT al risarcimento del danno subito. Infine, ha beneficiato della prescrizione dei reati l'ex dirigente dell'Ente, Gianni Iamele. Il Pio Albergo Trivulzio che si era costituito come parte civile, e' stato assistito dallo studio legale R&P Legal.

Tags:
pio albergo trivulzio









A2A
Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

i blog di affari
Libreria Bocca. Andrea Zoppolato presenta il libro Milano Città Stato il 29-1
di Paolo Brambilla - Trendiest
Nessun Brexodus, la migrazione è verso Londra
di Bepi Pezzulli
CARO AMMINISTRATORE.....FAI ATTENZIONE AL "CONTROLLO DI GESTIONE"
di Angelo Andriulo


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.