A- A+
Milano
Riccardo Bossi ancora a processo: non ha pagato benzina, pneumatici e luci

Nuovamente a processo Riccardo Bossi, primogenito del fondatore della Lega Nord Umberto Bossi: è accusato di truffa e insolvenza fraudolenta per aver comprato pneumatici e accessori per la sua automobile per 3mila euro senza aver pagato. Bossi avrebbe anche fatto installare un impianto di illuminazione da 7mila euro in casa propria, sempre senza saldare il conto. E ci sono anche 45 euro non pagati a un benzinaio. Tre i commercianti del Varesotto che hanno presentato denuncia. Il processo si celebrerà a Varese a partire dal 5 aprile: Riccardo Bossi è già stato condannato in primo grado nell'ambito di un altro procedimento lo scorso 16 novembre per non aver pagato un anello, un girocollo e un Rolex per un valore complessivo di 26mila euro in una gioielleria di Busto Arsizio.

Tags:
riccardo bossi processoriccardo bossi









A2A
Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

i blog di affari
Il mercato immobiliare milanese per Marco Giuseppe Stefanoni
Governo, Salvini ad Affari: "Io penso a elezioni anticipate? Balle spaziali!"
di Angelo Maria Perrino
Pd, Minniti e la sua sinistra per i deboli. Non dimentichi la lotta all'Ue
di Di Diego Fusaro

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.