A- A+
Milano
"Riccardo Bossi non pagò i gioielli". Chiesta condanna dai pm

Un anno e due mesi di reclusione. E' la condanna chiesta dal pm di Busto Arsizio (Varese) per Riccardo Bossi, primogenito del fondatore della Lega Nord Umberto Bossi, sotto processo con l'accusa di truffa aggravata per aver acquistato gioielli e un orologio Rolex in un negozio a Busto Arsizio senza pagare il conto. A denunciarlo era stato il titolare della catena di gioiellerie, Bruno Ceccuzzi, che lo aveva accusato di non aver saldato un debito di oltre 20mila euro, nonostante i continui solleciti e le promesse di pagamento.

Riccardo Bossi avrebbe regalato un anello e un girocollo acquistati nel dicembre 2014 all'ex fidanzata, mentre l'orologio sarebbe stato consegnato al titolare di un'attivita' di noleggio auto per saldare un debito. Il figlio di Umberto Bossi rischia di finire a processo, a Varese, per un episodio analogo. Lo scorso 14 marzo, tra l'altro, era stato condannato a Milano a un anno e otto mesi di carcere per appropriazione indebita aggravata nel processo con rito abbreviato con al centro le presunte spese personali con i fondi del Carroccio.

Tags:
riccardo bossi


A2A
Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

i blog di affari
Caso Olimpiadi 2026, il neo-statalismo 5Stelle “non vede” la liberale Milano
di Ernesto Vergani
Cura di sé: quanto tempo ti dedichi? IL TEST
Tra scienza,divulgazione e arte il Festival Internazionale della Robotica 2018
di Maurizio Garbati

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.