A- A+
Milano
Rozza: "Centrale, aggressione da italiano. Alla manifestazione ci vado"

di Fabio Massa

"Mi lasci dire che ieri sera mentre altri facevano gli sciacalli la prima cosa che ho fatto è stata quella di chiamare il Questore per sapere come stavano i ragazzi feriti". Carmela Rozza, assessore alla sicurezza del Comune di Milano, in una intervista ad Affaritaliani.it vuole chiarire le priorità. E rimettere in ordine il filo di un discorso.

Iniziamo da quello che è successo ieri sera.
Che cosa è successo ieri sera? E' successo che un cittadino italiano ha aggredito le forze dell'ordine con un coltello.

Ma non era un immigrato?
No, neppure di seconda generazione. E' figlio di una italiana e di un tunisino, e quindi è un cittadino a tutti gli effetti italiano. Detto questo, era anche un delinquente abituale, ed è preoccupante che un delinquente aggredisca le forze dell'ordine.  Ora stiamo chiarendo tutti i dettagli, ma mi sembra chiaro che qui l'immigrazione non c'entra niente.

Perché era italiano.
Esatto. Perché era italiano.

Il tema della sicurezza in Stazione Centrale però c'è, eccome.
Certo che c'è. Sono anni che dico che la Stazione Centrale va presidiata di più e meglio. E abbiamo, come Comune, predisposto continui pattugliamenti da parte della Polizia Locale, che purtroppo non può, per norma, fare le identificazioni. Ma ci siamo sempre, costantemente. Non basta e bisogna fare di più, ma la nostra parte la stiamo facendo.

Questo però riaccende la polemica sul blitz dell'ultima volta. Anche là ci fu una aggressione a due militari e poi la reazione dello Stato.
Sul blitz dico che avrebbero dovuto avvertirci prima, ed è di questo che il sindaco si è lamentato. A quanto ne so, solo di questo. Non eludo però la domanda: che poi nel centrosinistra ci siano posizioni diverse anche non collimanti con le mie è cosa alla quale ormai ci ho fatto l'abitudine. Tuttavia di una cosa sono certa: nessuno ha mai detto che non bisogna fare controlli in Stazione Centrale.

Però sul blitz...
Però sul blitz chi si occupa di sicurezza capisce il significato dimostrativo, altri invece non colgono questo significato.

Passiamo alla manifestazione. E' opportuna?
Certo. Ci vado, alla manifestazione. Non c'entra nulla con il fatto di ieri sera che, come dicevo, non è legato all'immigrazione. Ci vado perché i muri generano insicurezza, e l'accoglienza non prescinde dalla sicurezza. I decreti Minniti vanno in questa direzione, e noi andiamo in quella direzione.

fabio.massa@affaritaliani.it

Tags:
carmela rozzaaggressione stazione centrale


A2A
A2A
Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

i blog di affari
L’affondo (riuscito) di Bruno Vespa contro la scuola dei bulli e del ‘68
di Klaus Davi
Cancro e cibo, la sana alimentazione lo tiene lontano. I consigli in un libro
di Mariella Colonna
Altamura mette in Rete i siti storici per la valorizzazione Territoriale
di Mariella Colonna

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.