A- A+
Milano
Salvini a Sesto: "Moschea? Neanche in un sottoscala. E censiamo gli islamici"

Sopralluogo di Matteo Salvini sul luogo dove dovrebbe sorgere la moschea di Sesto San Giovanni. Il segretario leghista e' arrivato accompagnato dall'assessore lombardo al Territorio, Viviana Beccalossi, e il candidato del centrodestra al ballottaggio di domenica, il 'forzista' Roberto di Stefano. E ha garantito che, in caso di vittoria della coalizione contro il sindaco uscente, la democratica, Monica Chitto', la moschea "non sara' una priorita'" dell'amministrazione di centrodestra. "Per quanto riguarda le presenze islamiche chiediamo un censimento di tutto quello che e' regolare o abusivo e per tutto quello che e' nuovo vogliamo sapere chi paga chi finanzia, chi prega, in che lingua. Se c'e' dietro un Paese estremista come il Qatar non si apre neanche mezzo metro quadro di sottoscala islamico - ha chiarito il segretario leghista -. Mi sembra che questo di Sesto sia il caso. E quindi un sindaco sostenuto dalla Lega a mettere al centro la sicurezza e i diritti di tutti italiani e stranieri. La moschea e' l'ultima delle nostre priorita'".

DI STEFANO: "AMBIGUO SILENZIO DI CHITTO' SULLA MOSCHEA" - "Oggi con il sopralluogo di Matteo Salvini a Sesto San Giovanni - commenta Roberto Di Stefano - siamo tornati a discutere dell'enorme moschea che Monica Chittò vuole costruire a Sesto San Giovanni. Il malessere dei sestesi è evidente e si è visto con i risultati del primo turno. Risulta inaccettabile il silenzio del Centro islamico e l'ambiguità del Sindaco di fronte alle gravi segnalazioni che abbiamo fatto in queste settimane. Sia l'attuale centro che la futura moschea sono in netto contrasto con le leggi regionali e, inoltre, la moschea risulta finanziata da Qatar Charity (ente del Qatar in passato collegato ad Al Qaida), come segnalato sul sito della fondazione e riportato l'anno scorso dal presidente dell'Ucoii. Come può Chittò non bloccare quest'operazioni viste le violazioni e i collegamenti con un Paese che "fomenta i terroristi"? Inoltre abbiamo scoperto che l'imam di Sesto invitò in Italia il predicatore d'odio Al Suwaidan, noto negatore dell'Olocausto, sostenitore della Jihad in Europa e bandito in tantissimi Paesi del mondo (tra cui Stati Uniti, Regno Unito, Francia e ultimamente anche Italia). L'imam aderisce convintamente alla Costituente Islamica di Hamza Piccardo che, in molte dichiarazioni dei suoi membri fondatori, propone più musulmani nelle istituzioni, la legalizzazione della poligamia, l'8permille alla comunità islamica, le feste islamiche nel calendario e il menù halal nelle scuole. Come può Chittò di fronte a tanti lati oscuri e aperte violazioni non porre fine a questo enorme progetto, pensando, per una volta, prima ai sestesi? Ci penseremo noi, quando sarò sindaco, a intervenire, pensando prima alla sicurezza dei cittadini di Sesto San Giovanni".

Tags:
matteo salvini sesto san giovannimoschea sesto san giovanniterrorismo isis sesto san giovannielezioni comunali sesto san giovanni


A2A
A2A
Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

i blog di affari
Da “Mani in Pasta” a Milano la vera pizza con acqua di mare e lievito madre
di Paolo Brambilla - Trendiest
Cosa chiedono gli Usa all'Iran
di Ovidio Diamanti
Governo M5s-Lega: su i mercati, giù lo spread, soffrono i rosiconi del Palazzo
di Angelo Maria Perrino

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.