A- A+
Milano
San Donato, Di Maio: "Cittadinanza italiana al Ramy". Salvini: "Valutiamo"
Ramy Shehata

San Donato, Di Maio: "Cittadinanza italiana al Ramy". Salvini: "Valutiamo"

Il ministero dell'Interno sta accelerando le pratiche per riconoscere la cittadinanza italiana a Ramy Shehata, il 13enne studente della scuola media Vailati di Crema che è stato decisivo nel contattare i soccorsi a bordo dell'autobus dirottato da Osseynou Sy mercoledì. L'appello è stato lanciato dal papà del ragazzino, Khaled, egiziano in Italia dal 2001.

Ed è stato accolto dal vicepremier Luigi Di Maio, che su facebook ha commentato: "Oltre ai nostri due eroi in uniforme ce n'è però anche un altro di eroe: ha 13 anni, si chiama Ramy, ha origini egiziane, ed è uno dei bambini che ieri ha nascosto il cellulare al sequestratore avvisando per primo le forze dell'ordine. Ha messo a rischio la propria vita per salvare quella dei suoi compagni. È anche grazie a lui che si è evitato il peggio. Il papà oggi ha lanciato un appello, ha chiesto che gli venga riconosciuta la cittadinanza e credo che il governo debba raccogliere questa richiesta. C’è la cittadinanza per meriti speciali che si può conferire quando ricorre un eccezionale interesse dello Stato. Sentirò personalmente il presidente del Consiglio in questo senso. Si tratta di un caso speciale e credo che il ragazzo, per il gesto compiuto, debba ricevere la cittadinanza dello Stato italiano". Anche Silvia Sardone, consigliere comunale gruppo misto a Milano, e l'assessore regionale Riccardo De Corato hanno espresso un parere positivo. Il ministro dell'Interno Matteo Salvini ha commentato: "Stiamo valutando. Le cittadinanze non sono biglietti al luna park e sono contento che siano vissute da bimbi e famiglie come un passaggio importante". "Stiamo facendo tutti gli approfondimenti del caso, non sui bimbi, ma relativamente a chi sono vicini ai bimbi - ha aggiunto Salvini -, e la togliamo a chi non la merita. Sono contento che l'essere cittadino italiano per qualcuno sia un obiettivo importante e spero di dare una risposta positiva quanto prima".

La condanna dell'Unione delle comunità islamiche d'Italia

L'Unione delle Comunita' Islamiche d'Italia (UCOII) condanna fermamente i fatti di San Donato Milanese, che "potevano trasformarsi in una catastrofe senza precedenti", ribadendo che non vi possono essere in alcun modo moventi e alibi giustificabili per l'aggressione o la semina di terrore nei confronti di qualsiasi vita umana. "In questa triste vicenda, oltre agli uomini dell'Arma, si sono distinti per il loro coraggio anche alcuni ragazzi italiani di seconda generazione: Samir, Adam, Ramy e Riccardo. Piccoli nuovi italiani che si sono esposti, con un gesto straordinario, dando l'allarme alle forze armate", dichiara il presidente dell'Unione, Yassine Lafram, che ha contattato in giornata il presidente della Comunita' islamica locale e le famiglie dei ragazzi per complimentarsi e ringraziarli. Le famiglie dei ragazzi, infatti, frequentano da tempo il centro islamico di Crema, membro dell'UCOII, e anche per questo, saranno invitati alla prossima Assemblea indetta a fine mese per essere onorati con un riconoscimento ed essere promossi come membri onorari dell'Unione delle Comunita' Islamiche d'Italia. "Vogliamo promuovere ogni azione virtuosa fatta dai membri della nostra Comunita'; per questo reputiamo il nostro gesto doveroso", - dice Lafram, che domani presenziera' ad un evento aperto a tutti e organizzato al Centro Islamico di Crema assieme alle famiglie dei piccoli.

Commenti
    Tags:
    san donatopaulleseautobus bruciatopullman bruciatoousseynou syramy cittadinanzaautobus incendioincendio san donatoattentato san donatosan donato pullman in fiammebus in fiamme san donatobus incendiato san donatoautobus in fiammeautobus milanoautobus san donato milaneseterrorismosy autistaautista senegalese












    A2A
    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    i blog di affari
    Governo, la quadra per evitare il voto: Di Maio premier, Salvini Interni e...
    Crisi di governo. Cartoline di fine estate e di fine legislatura
    di Maurizio de Caro
    Governo giallorosso? No, giallofucsia. Pura servitù a Ue, Usa, mercati e...


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.