A- A+
Milano
Sana, il padre confessa: "Sì, l'ho strangolata e uccisa io"
Sana Cheema

Pakistan: padre di Sana confessa di averla uccisa

Avrebbe confessato di aver ucciso la figlia il padre di Sana Cheema, la 26enne italo-pakistana morta il 18 aprile durante un soggiorno nel suo Paese di origine. Secondo quanto riferiscono i media pakistani, Ghulam Mustafa ha raccontato di essersi fatto aiutare da uno dei figli maschi per strangolare la ragazza, che si opponeva a un matrimonio combinato, fino a romperle l'osso del collo.    

L'uomo, che ha la cittadinanza italiana, e' agli arresti da settimane in Pakistan insieme al figlio Adnan Mustafa e al fratello Mazhar Iqbal. Il delitto d'onore avvenne il giorno prima della prevista partenza di Sana per l'Italia. L'autopsia sul corpo della giovane, riesumato dalle autorita' pakistane dopo la frettolosa sepoltura fatta dalla famiglia, aveva evidenziato come la ragazza fosse stata strangolata. 

Tags:
sana






A2A
Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

i blog di affari
Centric Software & PLM Systems: webinar su PLM & Produttività il 28 maggio
di Paolo Brambilla - Trendiest
Libreria Hoepli Milano. Lo chef Simone Finetti presenta il suo libro “Heroes”
di Paolo Brambilla - Trendiest
Elezioni Europee, Zingaretti e il Pd continuano a combattere... contro i lavoratori
di Diego Fusaro


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.