A- A+
Milano
Sassoli, la Lombardia non si scalda: ”Nomine senza programma”. E Tinagli...

Sassoli, la Lombardia non si scalda. ”Nomine senza programma”. E Tinagli...

di Daniele Bonecchi per Affaritaliani.it Milano

“Ha sbagliato tavolo la delegazione italiana”, spiega con una battuta (ma non troppo) Massimo Ferlini, segretario del circolo Pd “Meriti e Bisogni”, conosciuto in città per la sua lunga militanza nel Pci e poi, come segretario milanese della Compagnia delle Opere. Parla del risultato ottenuto dal premier Giuseppe Conte nella trattativa europea. “L’altra tentazione”, spiega Ferlini “durante la seduta d’insediamento del Parlamento europeo, è stata quella di cacciare dall’aula gli eurodeputati della Brexit. Avrei sospeso inno e seduta e li avrei fatti accomodare fuori”. Sull’elezione di David Sassoli alla guida del Parlamento dice: “Come dicono i “socialisti gaudenti”: è il ritorno dei socialisti ma non ricordo provvedimenti di rilievo proposti da lui nei cinque anni precedenti. D’altra parte è difficile commentare delle nomine senza un programma ben definito. Gli unici che hanno dato l’idea della direzione da seguire sono stati i finlandesi, ai quali toccherà la guida del primo semestre, loro hanno scelto la tutela dell’ambiente”.

“Certo - conclude Ferlini – nella passata tornata avevamo la guida della Bei e l’alto commissariato, ora speriamo di conquistare una delega importante per gli interessi dell’Italia”. E infatti ora il Pd di Nicola Zingaretti tenta di mettete il cappello su un'opportunità, caduta dal cielo, quella dell’elezione di David Sassoli alla guida del Parlamento europeo, dopo la rissa scoppiata a sinistra, che ha diviso i socialisti europei. I vertici Pd abbozzano, Zingaretti è entusiasta, dalla Lombardia Alessandro Alfieri affida ai social il messaggio: “Un grande risultato per l’Italia e anche per il Partito democratico”. Ma dall’operosa Lombardia, in larga parte (salvo Milano, Bergamo e Brescia) nelle mani della Lega, il Pd sembra tiepido. Anche perché l'ultimo giro in Europa non e' stato brillante. Federica Mogherini, alto rappresentante dell'Unione per gli affari esteri e la politica di sicurezza: non pervenuta. Ora il gruppo socialista potrà contare su personalità come Carlo Calenda e Irene Tinagli, eletta nel nord ovest. “Ci aveva provato con Pittella, ma ora il Pd ha portato a casa un risultato utile con Sassoli – spiega Tinagli - che ha fatto un buon discorso d’investitura, sui valori dell’Europa, dando qualche colpo alle democrazie illiberali. Peccato non aver sostenuto Frans Timmermans, gli italiani hanno rincorso Orban e ne è uscita una sconfitta”, conclude Tinagli.

Commenti
    Tags:
    david sassolitinagli










    A2A
    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    i blog di affari
    Libreria Bocca. Andrea Zoppolato presenta il libro Milano Città Stato il 29-1
    di Paolo Brambilla - Trendiest
    Nessun Brexodus, la migrazione è verso Londra
    di Bepi Pezzulli
    CARO AMMINISTRATORE.....FAI ATTENZIONE AL "CONTROLLO DI GESTIONE"
    di Angelo Andriulo


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.