A- A+
Milano
Tangenti Lombardia: senatore Siri indagato a Milano per autoriciclaggio

Siri, senatore indagato a Milano per autoriciclaggio

Il senatore della Lega ed ex sottosegretario alle Infrastrutture, Armando Siri, e' indagato a Milano per autoriciclaggio nell'ambito dell'inchiesta su due finanziamenti considerati 'anomali', concessi dalla Banca Agricola di San Marino. Con uno dei mutui da 600 mila euro, Siri - secondo le accuse formulate dagli inquirenti - avrebbe acquistato una palazzina a Bresso (Milano) alla figlia; il secondo prestito, della stessa cifra, sarebbe stato invece concesso, senza le garanzie dovute, alla TF Holding, di proprieta' di due baristi milanesi, ma collegata - sempre stando all'indagine - allo stesso Siri. Su questo secondo fronte, in settimana sono state effettuate dalla Guardia di finanza diverse perquisizioni e sequestri a Milano e - a quanto si apprende - anche a Verona.

L'inchiesta milanese su Siri riguarda due 'prestiti di favore a elevato rischio' concessi da una banca di San Marino e caratterizzati da una doppia serie di 'violazioni sistematiche' delle regole creditizie: 750 mila euro sarebbero stati incassati dal senatore tra ottobre e gennaio scorsi, quando era ancora viceministro delle Infrastutture, e altri 600 mila sarebbero stato ottenuti appena tre mesi fa da un imprenditore a lui collegato, secondo quanto riportato da L'Espresso. Le presunte anomalie "più gravi della pratica di Siri riguardano documenti decisivi che risultano 'alterati', 'cancellati', 'omessi' o 'tenuti nascosti': atti ricostruiti dagli inquirenti dopo uno scontro con la banca per sbloccare il sistema informatico", secondo fonti di stampa. L'indagine della procura di Milano sugli affari di Siri a San Marino era nata all'inizio di quest'anno dalla segnalazione antiriciclaggio di un notaio milanese, rivelata da Report, che riguardava i 585 mila euro utilizzati dall'esponente leghista per acquistare una palazzina alla periferia di Milano, intestata però a sua figlia.  Il secondo prestito di 600 mila euro che risulta 'correlato a Siri' è stato invece svelato di recente dal settimanale L'Espresso. Solo due giorni fa la Guardia di finanza aveva perseguito la società Tf holding, società beneficiaria del secondo mutuo sospetto. I sequestri avevano interessato anche altre persone coinvolte nell'operazione al centro dell'indagine. 

La procura di Milano, ieri pomeriggio, ha inoltrato al Senato una richiesta per procedere al sequestro del pc dell'esponente leghista Armando Siri. Si tratta di un computer che da quanto dichiarato a verbale da Marco Luca Perini, capo della sua segreteria, sarebbe nella disponibilità di Siri. Il sequestro è scattato in alcuni uffici nella disponibilità dei protagonisti dell'inchiesta milanese nata rispetto a due mutui sospetti. 

Commenti
    Tags:
    armando sirisiri legasiritangenti milanotangenti lombardiasiri indagatoautoriciclaggiolega











    A2A
    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    i blog di affari
    Alla prima della Scala 3mila € per un biglietto e nemmeno un operaio
    di Diego Fusaro
    Il progetto "Milano Città Stato" insignito dell'Ambrogino d'Oro 2019
    di Paolo Brambilla - Trendiest
    “Il Libraio”. Il nuovo libro dell'avvocato-scrittore sanremese Alberto Pezzini


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.