A- A+
Milano
Terremoto in Lega Nord: mozione di sfiducia a Boni

di Fabio Massa

Come preannunciato ieri da Affaritaliani.it Milano, l'ultima battaglia è arrivata. Quella che cambierà - nelle intenzioni del segretario federale Matteo Salvini - il volto della più importante "piazza" della Padania, ovvero Milano. Una piazza difficile, difficilissima. Qui la Lega Nord non ha mai sfondato ma è qui che Roberto Maroni esercita il suo potere. Un Maroni con il quale Salvini non ha rapporti idilliaci al punto da aver incrociato dichiarazioni acuminate come lame alcune volte in pubblico e moltissime volte in privato. E quindi, ora nel mirino di Matteo Salvini c'è Milano. E il suo segretario metropolitano, ovvero quel Davide Boni che non ha mai avuto un rapporto di amicizia con Gianni Fava, ma che di Gianni Fava è stato sostenitore al congresso che ha incoronato nuovamente Matteo Salvini. Secondo quanto può riferire Affaritaliani.it Milano, il 7 luglio scorso è stata presentata una mozione di sfiducia nei confronti di Boni. A firmarla prima di tutto Stefano Bolognini, il vicesegretario salviniano doc, poi Stefano Bonizzi, Aldo Lettieri, Carlo Goldoni (famoso per lo spot elettorale "più Goldoni per tutti", il presidente di municipio di zona 4 Paolo Guido Bassi, la consigliera comunale Laura Molteni, il presidente del municipio di zona 2 Samuele Piscina e Piermario Sarina.

Secondo la mozione di sfiducia, Boni non si sarebbe adoperato per coordinare e raccordare i consiglieri comunali con i consiglieri di zona e gli organi del partito. Gli amici di Boni fanno notare però - e questa sarà prevedibilmente la linea di difesa - che ogni 15 giorni la segreteria provinciale è stata convocata. Inoltre, e questa è l'altra contestazione, Boni non avrebbe perseguito l'unità del movimento in base alle direttive emerse dall'ultimo congresso federale. Tradotto: non è salviniano. Boni, per parte sua, non commenta. Così come non commenta il suo possibile successore, l'imprenditore Gianmarco Senna, dato come favorito di Salvini in caso di siluramento di Boni, che comunque pare intenzionato a resistere alla cacciata. In caso di esordio di Senna alla segreteria si riaprirebbero i giochi anche sulle candidature alle regionali. C'è infatti chi storcerebbe al naso a che il segretario corra in una gara per le preferenze che - per il suo ruolo politico - lo vedrebbe evidentemente favorito.

fabio.massa@affaritaliani.it

Tags:
davide bonidavide boni lega nord









A2A
Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

i blog di affari
Collo e décolleté: tutti i segreti per contrastare i segni del tempo
di Simone Michelucci
Alberto Pezzini rilancia il turismo a Sanremo con "Futura Sanremo"
di Paolo Brambilla - Trendiest
Genitore 1 e genitore 2? Siamo tutti atomi unisex pansessuali e panconsumisti
di Di Diego Fusaro

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.