A- A+
Tori&Orsi di Lombardia
SuperMario spinge la Lombardia. Bce, il rilancio in quattro mosse

Alessandro Pedrini per Affaritaliani.it

SuperMario rilancia la spinta all'Europa e alla Lombardia che stenta a ripartire. E lo fa sorprendendo tutti, ad un anno circa dalla scelta di immettere liquidità sui mercati: azzera i tassi di interesse e aumenta gli acquisti dei titoli di debito di 20 miliardi al mese, passando da 60 mld a 80 mld, estendendo, per la prima volta, anche alle obbligazioni delle imprese private. Alle banche, infine, prestiti mirati per imprese e famiglie. Nello specifico, dal prossimo 16 marzo diminuiranno i tre principali tassi di interesse: il tasso di rifinanziamento che passerà dallo 0,05% allo 0%, quello sui depositi da -0,3% a -0,4% e quello sulla liquitidà di breve dallo 0,3% allo 0,25%. Per incentivare il finanziamento a imprese e famiglie la BCE ha lanciato anche  4 operazioni di TLTRO cioè prestiti a lungo che possono scendere fino a -0,4%. Piu' le banche smorzeranno il credit crunch piu' il tasso sarà vantaggioso per loro.

Ora, cerchiamo di capire in concreto che cosa ciò comporta:

1.  I tassi di interesse praticati dalla BCE vanno a zero, cio' significa che il costo del denaro è zero. Quindi le banche posso finanziarsi dalla BCE senza costi. Ciò comporta una spinta importante agli investimenti e ai consumi.

2. Se le banche lasciano i soldi che hanno preso a prestito presso la BCE, ovvero li depositano, hanno un costo dello 0,40%. Quindi le banche non hanno interesse a prendere i soldi che costano zero dalla BCE per poi lasciarli depositati. Sarebbe un costo, quindi li prendono per farli circolare facendo così girare l'economia.

3. Vengono favoriti ulteriormente i finanziamenti a lunga scadenza finalizzati al mondo produttivo attraverso operazioni di TLTRO. Più le banche "allenteranno i cordoni della borsa" e più guadagneranno. La BCE, in pratica pagherà alle banche fino allo 0,4% di interesse se queste concederanno finanziamenti a lungo termine a imprese e famiglie.

4. Le operazioni di aumento della massa monetaria ovvero di acquisto di titoli di debito dello stato e imprese passano da 60mld al mese a 80 mld al mese. Ciò significa un notevole alleggerimento del peso del debito pubblico per i paesi più esposti, Italia in primis.

Che effetto avranno queste mosse di Draghi sulla nostra Regione?

Pochi giorni fa il Financial Times ha indicato la Lombardia tra le prime regioni in Europa per l'attrattività degli investimenti. Primo posto, seguita dall'Ile de France, da Londra e dalla Comunidad di Madrid. Grazie alle mosse della BCE le nostre imprese lombarde, colpite anch'esse in questi anni da una stretta del credito molto forte, possono ora approfittare di questa boccata d'ossigeno riuscendo ad investire su progetti importanti chiusi fin ad oggi nei cassetti a causa della crisi. E' stato calcolato che a fronte di finanziamenti importanti da parte del sistema bancario alle imprese, la Lombardia diventerebbe la regione europea con la maggior crescita di PIL, diventando la vera locomotiva del vecchio continente. Se a questo si aggiungono i prestiti anche alle famiglie, finalmente il mercato immobiliare, che in Regione si sta pian piano riprendendo, potrebbe avere la giusta accelerata con tutti i benefici anche sull'indotto. Alcuni analisti hanno ipotizzato che la manovra della BCE sulla Lombardia darà vigore in particolare, oltre che all' immobiliare, al manifatturiero e al settore dei servizi, che pesa ben il 64% del pil regionale.

Tags:
mario draghibce
Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

i blog di affari
Emilia, vuoi vedere che alla fine vincerà il buon governo di Bonaccini?
di Angelo Maria Perrino
Elezioni: l'esito della sfida aperta in Emilia Romagna è imponderabile
di Diego Fusaro
Giornata della memoria. Il messaggio dell’Istituto Diplomatico Internazionale
di Paolo Brambilla - Trendiest


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.