A- A+
Milano
Trasporti, Pd: "Non ci sono i 52 milioni per la Lombardia". Terzi nega
Pietro Bussolati e Claudia Terzi

Trasporti, Pd: "Non ci sono i 52 milioni per la Lombardia". Terzi nega

I 52 milioni di euro destinati al trasporto pubblico lombardo ci sono o no? Lunedì il ministro Danilo Toninelli e l'assessore regionale Claudia Terzi hanno garantiro che le risorse sono state scongelate e i soldi ci sono, in reazione alle cautele espresse invece dal ministro dell'Economia Giovanni Tria. Ma il consigliere regionale del Pd Pietro Bussolati non ci crede e attacca: "Toninelli e la Terzi mentono sapendo dimentire. Lo sblocco dell’80% del fondo dei trasporti è una procedura standard già attesa ma la parte bloccata, pari a 300 milioni, di cui 52 per la  Lombardia, può essere resa disponibile solo con un decreto del presidente del Consiglio dei ministri previa verifica del raggiungimento degli obiettivi di finanza pubblica, prevista per giugno. Oggi non c’è nessun decreto e la manovra di  bilancio, che contiene il blocco dei fondi, è ancora in vigore. È anche evidente che col rallentamento dell’economia italiana oggi in atto è difficile che quegli obiettivi di finanza pubblica siano raggiunti. Toninelli e Terzi, quindi, vendono spudoratamente uno stanziamento già previsto per lo sblocco di una somma che è ancora congelata". Dello stesso avviso le associazioni che rappresentano le aziende di trasporto, i cui referenti avrebbero dovuto incontrare ieri l'assessore Terzi per parlare anche di tariffazione integrata. Ma Terzi non ha tuttavia potuto partecipare per altre riunioni di lavoro.

La replica dell'assessore è stata affidata a una nota: "Regione Lombardia è stata parte attiva nell'interlocuzione col Governo che ha consentito di sbloccare le risorse del Fondo nazionale trasporti. Bussolati e il suo gruppo se ne facciano una ragione: i lombardi non verranno penalizzati. L'epoca dei tagli scriteriati al Tpl targati centrosinistra è stata archiviata. Il dialogo con l'attuale Esecutivo è stato determinante per scongiurare un congelamento dei trasferimenti destinati alla Lombardia quantificabili in circa 50 milioni, finanziamenti che il Mef aveva intenzione di bloccare da subito". "Mentre con il decreto ministeriale che è stato firmato l'altra sera - continua Terzi - la parte di finanziamenti per il Tpl della Lombardia resterà invariata: verrà erogata infatti per intero la quota che anticipa l'80% dei fondi per il 2019, pari a circa 677 milioni senza alcuna applicazione di tagli. In altre parole, viene erogata tutta la quota di stanziamenti prevista. Mentre il restante 20% verrà messo a disposizione entro fine anno come da prassi. Capisco che la crisi nera in cui versa lo schieramento di Bussolati possa indurre a lanciarsi in dichiarazioni avventate, dal canto nostro abbiamo dimostrato di saper tutelare gli interessi dei lombardi in tutte le sedi utili e continueremo a farlo".

Commenti
    Tags:
    pietro bussolaticlaudia terzitrasporto pubblico










    A2A
    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    i blog di affari
    Accordo Brexit: Belfast esce con l'UK rimanendo in una zona tariffaria unica
    di Bepi Pezzulli
    Ortoressia, la nuova ossessione alimentare
    di Mariella Colonna
    A Milano tre nuovi locali in puro stile Art Factory in zona Garibaldi-Moscova
    di Paolo Brambilla - Trendiest


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.