A- A+
Trend e scenari creativi a Milano
Minimal To: identità, qualità, essenzialità. FOTO
Minimal To alla Kazakhstan Fashion Week

Dall’11 al 13 aprile, nella capitale kazaka, si è tenuta la Kazakhstan Fashion Week, il tema scelto per la sesta edizione della KFW è stato “feel free”.

Sulla passerella si sono alternate collezioni di stilisti locali, insieme a quelle di case di moda internazionali, tra queste era presente Minimal To, brand italiano fondato nel 2011 da Elisa Mazza, Danila Olivieri e Stefano Sberze, giovani Fashion Designer, diplomati presso la Scuola di Moda di IED Milano.

Da IED alla Kazakhstan Fashion Week, raccontaci il tuo percorso. Com’è nato il brand Minimal To? A rispondere Elisa Mazza, Danila Olivieri e Stefano Sberze.
Ci diplomiamo assieme nel 2008 presso lo IED Moda Lab di Milano. Successivamente Elisa ritorna a Torino, dove decide di porre le basi del nostro marchio, Danila si trasferisce a Londra e collabora con alcuni brand inglesi; tornata in Italia, lavora come costumista nell'ambito di produzioni cinematografiche. Stefano, dopo aver partecipato all'edizione 2008 del concorso My Own Show, lavora presso alcuni uffici stile di affermate case di moda italiane. Dopo questi percorsi di formazione paralleli, ci siamo ritrovati a Torino tutti con l'intento di voler iniziare il nostro personale percorso chiamato Minimal To.

“Minimal To design conveys the desire for greater relationship between clothing and the person who wears it”, un concetto veramente molto interessante. Il Fashion System come interviene sulle relazioni interpersonali e con la percezione di sè? 
Crediamo molto nel lavoro sull'identità, la qualità e l'essenzialità. Sono le nostre linee guida per costruire all'interno di una contemporaneità usa e getta, un prodotto che non si esaurisca nel giro di una stagione ma, che rispecchi un modo di essere di chi indossa i nostri capi e non di una tendenza. Allontanarsi dal mercato di massa spesso richiede un tempo più lungo di gestazione, ma noi crediamo fortemente che alla lunga questa propensione paghi. 

Che consigli dareste ai giovani fashion designer che sognano un futuro nel mondo della Moda?
Ciò che ci sentiamo di consigliare a chi studia o sogna di intraprendere questo percorso è di non perdere mai il lato creativo, nonostante le limitazioni del mercato. Ma allo stesso tempo, tenere d'occhio la fattibilità delle proprie idee. La creatività ha bisogno di confrontarsi con le esigenze, i limiti, e molti altri aspetti esterni e aziendali, soprattutto per chi come noi ha deciso di mettersi in proprio. Chi decide di portare avanti questa professione autonomamente, diventa una sorta di imprenditore di se stesso. Crescere un'azienda rende indispensabile la conoscenza di molti altri ambiti sia tecnici che gestionali, e nel nostro caso, l'esperienza sul campo ci fa da maestra.

Tags:
minimal tofashion designer ied milanoied milanokazakhstan fashion week

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

i blog di affari
Germania, impazza l'ultradestra: AFD supera i socialisti e Angela Merkel trema
di Marco Zonetti
Milano. 2° Salone Internazionale della Canapa dal 28 al 30 settembre.
di Paolo Brambilla - Trendiest
Oli essenziali, ecco perché non puoi farne a meno
di Simone Michelucci

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.