A- A+
Milano

 

IL CASO DI AFFARI

di Fabio Massa

Scoppia il caso Fabrizia Giuliani. Come ha scritto Affaritaliani.it ieri, c'è grande subbuglio tra le democratiche milanesi. Lei è stata inserita in lista come "rappresentante" di "Se non ora quando?". Anzi, paracadutata in lista, visto che non ha partecipato alle primarie. Ma chi è Fabrizia Giuliani? E' quello che si chiedono le promotrici lombarde di "Se non ora quando?". Che interpellate da Affari commentano sempre più o meno nella stessa maniera: "Noi non la conosciamo". Eppure lei è la moglie di un uomo pubblico: un ex consigliere regionale del Lazio, tale Claudio Mancini, dalemiano, eletto nelle liste del Pd. Aveva votato a favore delle spese pazze di Fiorito & Co. Non è stato ricandidato. Si spiegano molte cose. LEGGI IL CASO

di Marina Terragni,
blogger e femministra milanese

La candidatura Pd di Fabrizia Giuliani, romana paracadutata nelle liste di Milano per la Camera in posizione di sicura eleggibilità, è una piccola ma bruciante umiliazione per le donne milanesi: le candidate uscite dalle primarie, anzitutto; ma anche il vitalissimo, variegato, formidabile movimento delle donne di questa città, “madre” di tutti i femminismi italiani (la “clientela” elettorale a cui l’offerta Giuliani dovrebbe rivolgersi), che non ha mai sentito nominare la candidata e che rivendica con orgoglio la sua autonomia.  
Presentata ovunque come “del comitato promotore di Se Non Ora Quando” –ma “Se Non Ora Quando” smentisce l’investitura e interdice a lei come a chiunque altra l’uso del brand-, non è più così chiaro a che titolo Giuliani sia in lista.
Se il senso di ingaggi civici come quelli di Michela Marzano, Massimo Mucchetti, Carlo Dell’Aringa è autoevidente, la candidatura blindata di Giuliani, spogliata degli allori Snoq, necessiterebbe di qualche spiegazione. 
Fabrizia Giuliani insegna Filosofia del Linguaggio a La Sapienza e online compare qualche suo intervento su “l’Unità”. Molto di più non si sa, ed è un peccato per le elettrici e gli elettori milanesi. Che rischiano di dover dare credito ad alcune fastidiose illazioni secondo le quali Giuliani, compagna di un consigliere regionale uscente del Lazio, il dalemiano Claudio Mancini, non ricandidato né in Regione né in Parlamento, sarebbe in lista a titolo “risarcitorio”. E lontano da Roma, dove Mancini è chiacchierato per aver approvato, insieme ai vari Fiorito, le “spese pazze” per la Regione Lazio, e i rumour si farebbero assordanti.
Tutto questo non fa bene alle donne, a Milano, e tanto meno al Pd, che in questa città gioca la sua partita decisiva, “attenzionata” dagli osservatori di tutta Europa.
Siamo l’Ohio, non la provincia dell’Impero, e stavolta i voti, compresi quelli delle donne, pesano il triplo. Non ne va buttato neanche uno. 

Tags:
fabrizia giuliani










A2A
Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

i blog di affari
La navigazione robotizzata per intervenire in strutture vascolari complesse
di Maurizio Garbati
Cibo nostrano, per l’Ue non va bene. E allora si mangino il loro liquame
di Diego Fusaro
Premio Arte, Scienza, Coscienza: il Futuro di scena a Lecce.
di Paolo Brambilla - Trendiest


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.