A- A+
Milano
Vigile ucciso, Corte: accusa di omicidio anche al complice

Vigile ucciso: Corte, accusa omicidio anche a complice

Deve essere indagato per concorso in omicidio volontario Milos Stizanin, il nomade serbo che era in auto con Remi Nikolic quando sei anni fa fu travolto e ucciso il Vigile urbano Niccolo' Savarino. Sulla vicenda la Cassazione aveva rinviato gli atti alla Corte d'Appello e quest'ultima ha deciso di annullare la sentenza con cui Stizanin era stato condannato a 2 anni e mezzo per favoreggiamento.

Il Comune di Milano ha espresso "soddisfazione" per la decisione. "Ringrazio per l'impegno e la tenacia il sostituto procuratore e l'avvocatura del Comune - dice la vicesindaco Anna Scavuzzo - che in questi anni ha sempre affiancato la famiglia Savarino che ha dovuto affrontare un terribile lutto". Mentre il comandante dei vigili milanesi, Marco Ciacci, ha aggiunto: "Il Corpo della Polizia Locale e' stato molto scosso dalla vicenda che aveva coinvolto un agente in servizio barbaramente ucciso e colpito dalla sentenza di primo grado. Questa notizia sara' accolta con favore da tutti gli agenti".

La reazione dal Comune di Milano

Il Comune di Milano esprime soddisfazione per la decisione della Corte di Appello di annullare la sentenza con cui Milos Stizanin, il giovane serbo che era in auto con Remi Nikolic quando travolse e uccise l’agente di Polizia Locale Nicolò Savarino, era stato condannato a due anni e mezzo per favoreggiamento e indagarlo per concorso in omicidio volontario. In questi anni l’Avvocatura del Comune di Milano è sempre stata a fianco della famiglia dell’agente Savarino, presente a tutte le udienze a carico sia di Remi Nikolic che di Milos Stizanin e si è costituita parte civile. Milos Stizanin era stato arrestato nell’agosto 2012, dopo che era fuggito all’estero, e estradato in Italia il 13 agosto dello stesso anno. Era stato indagato e condannato per favoreggiamento. Già in secondo grado di giudizio il sostituto procuratore Sandro Celletti aveva chiesto la nullità della sentenza d’appello e di procedere con l’accusa di concorso in omicidio. Ma la sentenza fu confermata. Il Comune di Milano, insieme alla famiglia dell’agente di Polizia Locale e al procuratore Celletti aveva fatto ricorso alla Cassazione che aveva annullato la sentenza, rinviando per l’esame del merito alla Corte d’appello che oggi ha stabilito che Milos Stizanin deve essere indagato per concorso in omicidio volontario. “Ringrazio per l’impegno e la tenacia il sostituto procuratore e l’Avvocatura del Comune – dice la vicesindaco Anna Scavuzzo – che in questi anni ha sempre affiancato la famiglia Savarino che ha dovuto affrontare un terribile lutto”. “Il Corpo della Polizia Locale – ha aggiunto il comandante Marco Ciacci – è stato molto scosso dalla vicenda che aveva coinvolto un agente in servizio barbaramente ucciso e colpito dalla sentenza di primo grado. Questa notizia sarà accolta con favore da tutti gli agenti”.

Tags:
vigile uccisocorteaccusa omicidiocomplice









A2A
Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

i blog di affari
Genitore 1 e genitore 2? Siamo tutti atomi unisex pansessuali e panconsumisti
di Di Diego Fusaro
Collo e décolleté: tutti i segreti per contrastare i segni del tempo
di Simone Michelucci
La "cosa nera"? L'odio della classe oligarchicofinanziaria no border
di Di Diego Fusaro

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.