A- A+
Moda
Alessandro Nava: StarsSystem? "Vale quanto 100 fashion blogger"

Alessandro Nava, modello, autore, produttore e direttore. E' una di quelle persone poliedriche che in altri tempi sarebbero stati definiti semplicemente artisti. Artista del bello, che al posto di colori, pennelli e tele usa la fantasia al servizio della moda nel senso più ampio possibile.

Un ragazzo, pugliese di nascita e milanese di adozione, che si è messo caparbiamente alla guida  di un gruppo di professionisti del settore: modelle, fotografi e truccatori, per dare vita a StarsSystem, un magazine online che vuole dettare la linea in fatto di moda e bellezza, ma tenendo sempre i piedi per terra, con uno sguardo fisso alla società. Anche perchè Nava è sì giovane, ma è nell'ambiente da quando aveva 16 anni.

Come ti è venuta l'idea di creare StarsSystem
E' stata una visione che mi si è materializzata in testa. L'idea di avere un luogo virtuale per riunire tutte le esperienze fatte nel modo della moda. Così è iniziata questa avventura. Mi sono detto: ci vuole qualcuno che racconti la nostra società in un'accezione più ideale, più ispirazionale. Mi piaceva l'idea di descrivere i talenti, le persone, i sogni che prendono forma. Per questo ho iniziato dall'ambiente che conoscevo meglio, quello della moda appunto. Anche per restituire ciò che in tanti anni di esperienza, scegliendo di frequentare le persone appassionate della vita e del mondo, ho ricevuto. Tutto questo cerco di farlo rivivere in StarsSystem.

Come hai iniziato a frequentare il mondo della moda?
Avevo 16 anni  e una commessa di mia madre, che aveva fatto Miss Italia, mi fece venir voglia di provare. Iniziai a fare le prime foto, mi notarono a Milano e così cominciai a lavorare. Poi ho fatto anche una serie di altre esperienze visto che non mi interessava solamente fare il modello, facevo tante domande, volevo scoprire tutto dell'ambiente, dai fotografi ai registi. Con il tempo ho conosciuto un produttore televisivo e ho iniziato a lavorare nella tv come autore e produttore. Da li, senza mai lasciare il mondo della moda, ho fatto diverse esperienze televisive, fino a quando una decina di anni fa ho fondato, insieme a un'altra persona, una società di produzione fotografica e televisiva con la quale abbiamo fatto campagne pubblicitarie, spot e programmi tv.

Quando è avvenuto il salto nell'editoria?
Quando ho visto che c'era fermento attorno a un mondo che stava emergendo e ho immaginato che fossero maturi i tempi per creare un luogo in cui potersi esprimersi e di cui sentivo la mancanza. Il regalo più grande per un persona di talento è quello di potersi esprimere dandogli un luogo. Ed è quello che cerco di fare io, memore di quando, bambino, sognavo attraverso le riviste patinate che trovavo in casa: mi si apriva l'incredibile mondo della moda, fatto di top-model, fotografi e truccatori di altissimo livello. Quel mondo e quella professionalità che  ho cercato di ricreare  nel mio magazine attraverso giovani molto motivati.

Cosa distingue StarsSystem rispetto ad altri prodotti simili?
Una serie di ragioni, ma la principale è che noi prestiamo attenzione a chi si è distinto per ragioni professionali ma anche per la forza e la passione impiegata. Per stare su StarsSystem non basta la bellezza, serve ispirazione e intelligenza. Le nostre star sono persone stra-ordinarie, nel senso di fuori dall'ordinario. Cerchiamo anche di scoprire i talenti prima degli altri, seguendo chi in tv o sui social, riesce a ritagliarsi con intelligenza il suo spazio e il suo seguito di pubblico. Ma quello che mi fa scegliere una persona rispetto a un'altra è l'anima: senza anima non puoi fare neanche il manichino.

Un magazine che scopre nuovi talenti ?
Sì, StarSystem è anche questo: individuare prima degli altri i nuovi personaggi, dare loro una giusta immagine. Come abbiamo fatto, un esempio per tutti, con Fabio Mancini, attuale testimonial di Giorgio Armani scelto da noi quando era ancora un modello agli inizi. Ora vederlo da Armani è un orgoglio per il fashion system e per me. StarsSystem viene letto e vissuto dalle persone che in qualche modo sentono di  trovare spunti di riflessione, anche ispirazione, non soltanto e meramente estetiche. Attraverso delle belle immagini e delle storie significative cerchiamo di far leva sulla forza interiore del lettore.

Per molti giornali i social network sono indispensabile, quale è il vostro approccio?
Anche per noi sono importanti, su Facebook ci seguono più di 20mila persone, molte delle quali particolarmente attive, cerchiamo sempre di coinvolgerle. Prima, con la carta stampata, si usavano formule diverse, avevi il polso della situazione ma  non come accade oggi, dove tutto è più immediato. E anche se il nostro è un magazine con una forte identità siamo in continua evoluzione. E' tutto talmente tanto recente che ci vorrà del tempo per stabilizzare i recenti fenomeni e permette di esprimersi in maniera esaustiva riguardo ai social e a come stanno cambiando l'informazione.

Come vi rapportate con fashion blogger e influencer vari?
Si tratta delle nuove star in fatto di comunicazione e moda, perchè sempre più aziende decidono di affidargli parte della comunicazione in base, ovviamente al proprio prodotto, alle interazioni e all'ispirazione che l'azienda ricerca. Ma le celebrities rimangono al primo posto nel dare forza a un brand. Solo dopo arrivano i fashion blogger.

Oggi però è molto facile definirsi fashion blogger...
Un conto è definirsi fashion blogger autonomamente, un conto è essere riconosciuti come personaggi capaci di influenzare in un dato settore. Se non ci sono aziende che ti scelgono e un pubblico che ti segue questo discorso  non ha senso. Se 30 anni fa le top model erano il non plus ultra, oggi lo sono i fashion blogger che hanno arricchito il sistema comunicativo, grazie anche ai nuovi strumenti come Facebook e Instagram. Ma credo che l'autorevolezza dei magazine specializzati rimanga centrale, anche perchè capiremo il valore di questi nuovi canali solamente con il tempo. Alcuni saranno un bluff, altri si consolideranno come parte  del sistema della comunicazione.

Come è cambiata la moda dagli anni 80 ad oggi?
Stiamo vivendo una nuova era, io vengo dal paese di Rodolfo Valentino, Castellaneta, ed è curioso notare come si siano evoluti i tempi, anche se la sostanza rimane. La società ha bisogno di avere dei punti di riferimento. Se la tv ha un po' stancato (in particolare quella italiana che offre poco), il web mette a disposizione dei giovani di talento un palcoscenico nuovo e alternativo alla tv, dove potersi esprimere e trovare un pubblico nuovo. E anche se il mondo della moda rimane chiuso ed esclusivo, perchè l'immagine dei grandi brand rimane legata alle top model considerate alla stregua di figure mitiche, anche in questo ambiente ci sono delle infiltrazioni legate alle novità nate dal web e ai social, come gli influencer.

Consigli per chi vuole entrare nell'ambiente della moda?
Io chiederei innanzitutto a chi vuole trovare lavoro che cosa si aspetta di dare, che cosa vorrebbe esprimere. Perchè la vera differenza è la ragione per la quale si vuole  far parte di un determinato ambiente, se si cercano i soldi facili, i privilegi o invece si ha una vera passione. Va detto, al di là di tutto, che è un mondo difficile e competitivo, dove chi non ha le giuste qualità non sopravvive, e al massimo può godere di un rapido ma estemporaneo momento di notorietà.


Meglio non illudersi?
Bisogna sempre crederci, ma se è vero che si hanno più strumenti per farsi notare è anche vero che spesso la qualità ne risente ed è più facile incappare in gente improvvisata. Il web in questo ha dato l'illusione a tutti di poter dire e fare tutto, come accade per i fashion blogger. Per questo dico che i magazine contengono la forza di 100 blogger.

Tags:
alessandro navamodellodirettore. starssystemmagazine
Loading...
in vetrina
VANESSA INCONTRADA SEXY. "FEMMINA SUBLIME". MARCUZZI SENZA REGGISENO. FOTO

VANESSA INCONTRADA SEXY. "FEMMINA SUBLIME". MARCUZZI SENZA REGGISENO. FOTO

i più visti
in evidenza
Taylor Mega lato B da urlo La modella fa gol in bikini. VIDEO

Influencer manda il web in delirio

Taylor Mega lato B da urlo
La modella fa gol in bikini. VIDEO


Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Opel: di… Corsa, destinazione futuro

Opel: di… Corsa, destinazione futuro


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.