A- A+
Moda
Design, il lusso brasiliano in Italia cresce a doppia cifra

Nell’ultimo anno il mercato del lusso in Italia ha registrato una crescita positiva: i dati di EUROMONITOR International evidenziano che nel 2017 il valore delle vendite nel segmento del lusso in Italia è stato di 30,4 miliardi di euro con in incremento del 5,9% tra il 2005 – 2017. Ulteriore conferma di questo trend arriva anche dal mondo del design, e più nello specifico dai rapporti commerciali consolidati tra Italia e Brasile. Apex-Brasil, l’agenzia governativa brasiliana per la promozione del commercio e degli investimenti, ha preso in esame il trend delle sue esportazioni nel settore del design e dell’arredamento, nell’arco di 5 anni, dal 2013 al 2017, rilevando una crescita media del valore del 23,8%, che nel 2017 si attesta a 1 milione 786mila dollari.

Tre i settori analizzati per stilare questa speciale classifica Italo-Brasiliana: arredamento, illuminazione e complementi d’arredo. Proprio quest’ultimo è il comparto che registra la percentuale maggiore di crescita: i complementi d’arredo, infatti, hanno registrato un incremento delle esportazioni del 34,7% nei 5 anni – con un picco del 47,2% tra il 2016 e il 2017 – e un valore di transazioni pari a 888mila dollari nell’ultimo anno 1 .

È in questo ambito che troviamo proposte uniche, come lo Spelhos Pangéia (specchio Pangea) di Eurico Humano, che appartiene a una serie speciale che ha preso vita a San Paolo nel 2017 e si ispira alla teoria della deriva dei continenti. Lo specchio infatti sembra essere stato rotto e poi ricostruito, unendo e riposizionando i pezzi tramite una corda, decostruendo la funzione di uno specchio su una superficie lineare e aumentando le possibilità di visione dell'osservatore.

Il secondo settore che registra un importante sviluppo è quello dell’arredamento. L’export di tavoli, sedie e mobili infatti è cresciuto del 16,4% negli ultimi 5 anni e ha raggiunto un valore di 740mila dollari nel 2017. Non è un caso che un’intera sezione dello spazio Be Brasil, che ha ospitato i migliori rappresentanti del design brasiliano durante l’ultima Design Week di Milano fosse dedicata al “Sentar Brasileiro” e a tante diverse tipologie di sedute caratteristiche del paese caraibico.

Anche il comparto dell’illuminazione, con lampadari, lampade da tavolo e da terra, è stato tra i protagonisti dello spazio Be Brasil ed è proprio questo il terzo settore esaminato dall’analisi. Una crescita nei 5 anni del 15,8% per un totale di 158mila dollari nel 2017. Questo comparto rappresenta in pieno l’originalità del design brasiliano: si ritrovano oggetti inimitabili come la Currupio Lamp di Estudio Bola - ispirata all’omonimo gioco di strada (il Currupio), che è un perfetto esempio di “upcycling”, in quanto ottenuta dalla rielaborazione di pezzi di plastica e reti di frutta e verdura che danno vita a una lampada variopinta, inedita e molto attuale; oppure la Congonhas Lamp di Gisela Simas - in due versioni, legno di puro noce americano o sughero, che si ispira alle ali di un aereo, nello specifico di un Boeing 737-800, e che per l’artista ricorda un mix di tecnologia e libertà.

“Negli ultimi anni l’interesse per il design del nostro paese è cresciuto esponenzialmente, sia grazie agli investimenti che abbiamo fatto, come per esempio la presenza costante alla Design Week milanese, sia soprattutto per il grande valore dei nostri artisti, che raccontano attraverso i loro pezzi unici la storia del nostro Paese”, dichiara Marcia Nejaim, Business Director di Apex-Brasil.

Uno dei più significativi e talentuosi designer brasiliano è Gustavo Martini che incarna lo stretto rapporto tra Italia e Brasile che eletto proprio Milano come sede principale della sua attività. Nato a Rio de Janeiro nel 1987 e laureato alla Industrial Design alla PUC-Rio University, ha perfezionato i propri studi all’Istituto Marangoni di Milano e in seguito ha scelto proprio il capoluogo lombardo per aprire il suo studio e dare vita alla sua creatività. Inoltre, Gustavo Martini fa parte di un altro grande progetto che rappresenta un gruppo di designer di talento, il RAIZ PROJECT. Riconoscendo che la combinazione di culture alimenta la creatività nazionale e nutre personalite uniche, il progetto RAIZ si propone di mostrare al mondo le molte caratteristiche che sono alla base del settore d’arredo brasiliano influenzato da tutti gli aspetti culturali che lo circondano. Il progetto mira a promuovere l'internazionalizzazione dei designer brasiliani, con il sostegno dell'Associazione delle industrie del mobile di Bento Gonçalves (Sindmóveis) e di Apex-Brasil. L'iniziativa ha l’obiettivo di rafforzare la posizione dei designer brasiliani, evidenziandone la loro creatività, l'innovazione e il potenziale di crescita sui mercati esteri.

Altri progettisti parte del progetto sono: Alessandra Delgado, Andrea Macruz, Aristeu Pires, Carol Gay, Daniela Ziegler, estudiobola, Fahrer, Faro Design, Guto Indio da Costa, Jader Almeida, Larissa Batista, Lattoog, Leo Romano, Marta Manente, NDT Design, Noemi Saga, Paulo Alves, Quadrante, Renata Rubim Design & Cores, Reboh Design, Roberta Rampazzo Design, Ronald Sasson, Tora Brasil e Wagner Archella.

Tags:
designlusso
in evidenza
Pif, ecco il suo primo romanzo "...che Dio perdona a tutti"

Novità editoriali

Pif, ecco il suo primo romanzo
"...che Dio perdona a tutti"

i più visti
in vetrina
Juventus, Cristiano Ronaldo clamoroso: fuori dal podio del Pallone d'Oro 2018

Juventus, Cristiano Ronaldo clamoroso: fuori dal podio del Pallone d'Oro 2018

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Citroen Berlingo vent'anni di successi

Citroen Berlingo vent'anni di successi

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.