A- A+
Auto e Motori
A torino si discute del futuro dell'Automotive in Italia

All'Unione Industriale di Torino, il “Tavolo sul futuro dell’automotive in Italia” organizzato da Confindustria e ANFIA, che ha riunito le principali aziende italiane del settore – produttori e componentisti – nonché quelle coinvolte nei grandi processi di trasformazione legati alla diffusione delle alimentazioni alternative. Durante la successiva conferenza stampa, il Presidente di Confindustria Vincenzo Boccia e il Presidente di ANFIA Paolo Scudieri hanno incontrato i giornalisti per illustrare le finalità e i risultati emersi nel corso di questa prima riunione.

Di fronte alle innumerevoli sfide, tecnologiche e regolamentari, che la filiera automotive si trova a dover affrontare in questa fase di profondo cambiamento – in primis quelle legate all’evoluzione del veicolo connesso e autonomo, all’elettrificazione del veicolo e all’alleggerimento dei pesi in vista di target europei sulle emissioni di CO2 sempre più ambiziosi – il Presidente ANFIA Paolo Scudieri ha voluto ricordare i numeri di questa filiera in Italia: 5.700 imprese, 100,4 miliardi di fatturato, pari al 6% del PIL, quasi 259.000 addetti (il 7,1% del settore manifatturiero), una spesa in ricerca e innovazione di 1,7 miliardi di Euro l’anno, 74,4 miliardi di Euro di gettito fiscale nel 2017.

“Siamo un settore che conta nell’economia del Paese, sia in termini di attivazione della domanda, visto che 1 Euro di valore aggiunto creato dalle imprese automotive nella fase industriale genera 2,2 Euro addizionali di valore aggiunto nell’economia, sia di attivazione dell’occupazione – 10 occupati nelle imprese automotive della fase industriale sostengono 20 occupati addizionali nell’economia – ha dichiarato il Presidente ANFIA. Affrontare sfide così complesse in tempi così rapidi e in un contesto reso più incerto dal possibile rallentamento dell’economia in Europa occidentale, ma anche in altre aree a livello internazionale, dalla frenata della domanda di autoveicoli, con impatti sul mercato e sui livelli produttivi, condizionati anche da uno scenario geopolitico globale a sua volta instabile, significa per le nostre imprese soccombere o reagire. Come? Aumentando notevolmente gli investimenti in R&D, rivedendo il proprio footprint produttivo e i propri modelli di business, lavorando sul capitale umano per implementare nuove competenze e profili professionali e formare di conseguenza le persone. A patto, tuttavia, di poter contare, come settore, su una politica industriale seria, a supporto dei livelli occupazionali che la riconversione rischia di colpire – è un dato di fatto che la filiera produttiva del veicolo elettrico necessita di meno manodopera e di un minor numero di componenti per veicolo. Definire una posizione comune sui temi centrali dell’attuale fase di trasformazione ed evidenziare priorità e richieste alle istituzioni, valutando contestualmente il posizionamento tecnologico e competitivo della filiera industriale e avviando un dialogo pubblico-privato efficace come già avvenuto negli altri Paesi nostri competitor , è cambiamento”. il punto di partenza per creare le condizioni che rendono possibile il cambiamento. L’auspicio della filiera produttiva è che dai lavori del Tavolo nasca una proposta condivisa che definisca un piano di politica industriale che, facendo leva sulle già estese competenze che ci sono sul territorio, consenta ad una delle maggiori industrie del Paese di poter essere protagonista della mobilità del futuro.

Commenti
    Tags:
    italiaconfindustriaanfia
    in evidenza
    Mudec, "Banksy è un marchio" Ritirati i prodotti dallo shop

    Milano

    Mudec, "Banksy è un marchio"
    Ritirati i prodotti dallo shop

    i più visti
    in vetrina
    Zaniolo pace con le Iene. De Devitiis si scusa. Rose rosse per mamma Francesca

    Zaniolo pace con le Iene. De Devitiis si scusa. Rose rosse per mamma Francesca



    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    La Ferrari Portofino è Best Cabrio 2019 per il secondo anno

    La Ferrari Portofino è Best Cabrio 2019 per il secondo anno


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.