A- A+
Auto e Motori
Alla Triennale Mini presenta la sua storia

La mostra “Don’t Need A title. MINI, inspired by origins”, in scena dal 13 aprile al 27 maggio alla Triennale di Milano, narra la storia di un’icona dell’automobilismo e lo fa grazie a un percorso esperienziale attraverso il passato, il presente e il futuro del Brand.

Un viaggio alla scoperta del Brand e del suo DNA. Ed ecco perché non serve un titolo: basta il nome MINI per capire le origini di un mito. La mostra, una vera e propria première in Europa, è gratuita e aperta al pubblico e a tutti i visitatori, curiosi e appassionati del Brand. Per la prima volta in Italia e in esclusiva per la mostra, sarà presente la MINI Vision Next100 Concept, il contributo del brand alle celebrazioni dei 100 anni del BMW Group, che offre una visione del concetto di mobilità del futuro.

Con il suo inconfondibile design e il puro divertimento di guida, il primo esempio della Mini classica innescò una rivoluzione nel mercato automobilistico con la sua apparizione nel 1959.

Il concept del designer Alec Issigonis era semplice e geniale: tanto spazio interno combinato a dimensioni esterne ridotte, quattro posti, handling di guida perfetto, bassi consumi e un prezzo ragionevole.

La scoperta del talento sportivo racchiuso in quella minuscola scocca fu merito di un’altra figura chiave nella storia del marchio. John Cooper, amico e socio in affari di Issigonis e vincitore di due titoli mondiali per costruttori di Formula Uno, non tardò a individuare il potenziale dinamico della vettura con il lancio, nel 1961, della prima Mini Cooper.

Da 59 anni il nome Cooper identifica ciò che MINI è in grado di offrire quando si tratta di divertimento di guida. Per la Cooper non si è mai trattato di una questione di cavalli, come dimostra clamorosamente il confronto tra la Mini classica e le sue eredi. La chiave sta nel fondamentale principio di un uso creativo dello spazio, unito all’inimitabile go-kart feeling, che fa da trait d’union per le generazioni della mitica auto di piccole dimensioni.

Il concentrato di idee presente in questa piccola vettura è a tutt’oggi sorprendente. Il risultato, la famosa maneggevolezza della Mini classica, spiega perché la vettura continua a godere dell’apprezzamento di una comunità di fan così affezionata.

Nel 1962, a soli 3 anni dal lancio sul mercato, la produzione di Mini superava i 200.000 veicoli all’anno. Scelta come auto preferita in città anche da personaggi del calibro di Peter Seller, The Beatles, Brigitte Bardot, Clint Eastwood, Lord Snowdon, Twiggy, giusto per citarne alcuni, la Mini diventò il simbolo di un’intera generazione. Negli anni successivi la Mini si affermò come una vera e propria icona, un marchio con una tradizione unica, un fascino irresistibile a qualsiasi età.

Ben 59 anni dopo il lancio della Mini classica, i principi distintivi del marchio, in termini di uso intelligente dello spazio e del suo tipico go-kart feeling, non hanno perso nulla del proprio fascino. Design autentico, stile unico e tipico divertimento di guida sono caratteristiche di qualità senza tempo che conferiscono alla MINI un appeal di lunga durata. Il DNA di MINI ha una formula speciale: si poggia su principi cardine attorno ai quali il Brand britannico ha costruito la propria identità, la propria iconicità e la propria forza. Proprio per questo il percorso della mostra si snoda attraverso quattro stanze, ciascuna dedicata a uno o più valori che compongono il codice genetico di MINI:

1. SKY ABOVE mette in evidenza il rapporto tra MINI e le esigenze urbane con le sue soluzioni salvaspazio. Fin dal suo esordio, infatti, la Mini ha accettato la sfida di risolvere i problemi della mobilità con intelligenza e creatività.

2. ISSIGONIS’ RHAPSODY pone MINI in un contesto di design più ampio, esplicitando le sue esplorazioni creative e offre un tributo ad Alec Issigonis, il designer che l’ha progettata.

3. MIRRORS & STARS rispecchia la sua attitudine ad essere un’icona e ad essere stata scelta nei decenni da personalità esse stesse iconiche.

4. IN THE MAKING racconta la passione delle persone dietro la nascita di ciascuna MINI e la possibilità per ognuno di crearsi la propria.

 

 

Tags:
triennale milanomini

in vetrina
Zverev batte Djokovic: a 21 anni è il re delle Atp Finals 2018

Zverev batte Djokovic: a 21 anni è il re delle Atp Finals 2018

i più visti
in evidenza
Si ferma anche Calhanoglu Allarme infortuni, Gattuso in crisi

Milan News

Si ferma anche Calhanoglu
Allarme infortuni, Gattuso in crisi

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Mercedes Classe E 300 de EQ Power, la prima diesel plug in hybrid

Mercedes Classe E 300 de EQ Power, la prima diesel plug in hybrid

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.