Fondatore e direttore
Angelo Maria Perrino

ANCMA, approvato il disegno di legge sulla mobilità ciclistica

Per la prima volta in Italia una legge per uno sviluppo organico dell’uso della bicicletta

ANCMA, approvato il disegno di legge sulla mobilità ciclistica

Un bel regalo sotto l’albero per tutti gli appassionati del viaggiare in bicicletta, la Commissione Lavori Pubblici del Senato ha approvato, in via definitiva, il disegno di legge n.2977 sullo sviluppo della mobilità in bicicletta e la realizzazione della rete nazionale di percorribilità ciclistica.

Il provvedimento diventato legge introduce nel nostro ordinamento il Piano generale della mobilità ciclistica, che disciplina lo sviluppo della mobilità su due ruote a livello urbano, regionale e nazionale, attraverso l’individuazione delle ciclovie che costituiscono la rete ciclabile nazionale “Bicitalia”, misure per la sicurezza dei ciclisti, per l’accesso a parcheggi, stazioni ferroviarie e aeroporti e l’introduzione dei “biciplan”, piani di mobilità ciclistica che dovranno essere redatti dai Comuni.

L’approvazione giunge dopo un iter articolato e problematico, che ha subito numerose interruzioni e riprese all’interno dei diversi organi parlamentari, nell’imminenza dello scioglimento delle Camere. Fondamentale è stato il supporto dell’On. Paolo Gandolfi, relatore del disegno di legge alla Camera, che con il suo lavoro ha contribuito a ottenere lo sblocco di una situazione in stallo e del Ministero dei Trasporti che fin dall’inizio ha sostenuto il provvedimento.

Confindustria ANCMA - insieme a FIAB, FCI e tante altre associazioni del mondo bici - aveva in più occasioni sottolineato l’importanza di un provvedimento che – per la prima volta in Italia – getta le basi per uno sviluppo organico e pianificato della mobilità ciclistica sulle nostre strade.

Dal punto di vista industriale, la bicicletta ha un forte radicamento nel territorio nazionale. Le aziende italiane producono un fatturato di 1 miliardo di euro e danno lavoro a 12 mila addetti. La bilancia commerciale del settore è in attivo per 66 milioni di euro, a testimoniare una vocazione della bici italiana ai mercati internazionali. In particolare, il segmento delle e-bike rispecchia un crescente interesse degli utenti finali per un prodotto innovativo e versatile: nel 2016 sono state commercializzate 120 mila biciclette a pedalata assistita, pari a un incremento del 120% rispetto all’anno precedente. Anche il mercato delle biciclette tradizionali, nell’ultimo biennio, è cresciuto del 2%.

«La bicicletta – dichiara Andrea dell’Orto, presidente di Confindustria ANCMA - è sempre più al centro del dibattito pubblico sulla mobilità e offre il contributo più evidente agli obiettivi di decarbonizzazione fissati dall’Unione Europea e recentemente recepiti dal nostro Paese attraverso la Strategie Energetica Nazionale. Grazie alle due ruote l’industria italiana può offrire un significativo contributo all’economia del Paese e alla sostenibilità ambientale dei trasporti. Nella prossima legislatura ci aspettiamo che Governo e Parlamento diano continuità al lavoro intrapreso a favore della bicicletta e mettano anche in campo misure concrete per lo sviluppo della mobilità a 360°».

«Con questa legge per la prima volta in Italia si attribuisce la responsabilità al Governo di promuovere la mobilità in bicicletta». Afferma l’On. Paolo Gandolfi, membro della Commissione Trasporti della Camera. «In altre parole la bicicletta entra a pieno titolo tra i mezzi di trasporto utili a risolvere i problemi di mobilità, soprattutto nelle città. E’ l’inizio vero di una stagione nuova che si spera lunga e benevola per la qualità ambientale, la sicurezza stradale, il benessere dei cittadini e la qualità urbana, perché a questo portano tante biciclette in più sulle nostre strade. Last but not least, una legge che aiuta un settore economico in cui siamo i migliori nel mondo e ci voleva!».

 


In Vetrina

Isola dei famosi 2018, Marcuzzi: "De Martino sull'ISOLA DEI FAMOSI perché..."

In evidenza

Ilenia musa di Verdone Dal Gf al grande cinema
Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare

Motori

Nuova Jeep Cherokee debutto americano

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.