A- A+
Auto e Motori
Dieselgate, oltre 76.500 i moduli scaricati per aderire alla class action

Sono 76.576 i moduli fin qui scaricati dal sito Internet dell’organizzazione Altroconsumo per completare l’adesione alla class action dieselgate e inviare la richiesta al Tribunale di Venezia, competente per la causa.

Il numero è cresciuto progressivamente da quando il giudice ha confermato l’ammissibilità dell’azione, decretando l’inizio della raccolta delle adesioni dallo scorso 1° luglio.

 

Siamo al ritmo di tremila moduli scaricati al giorno dal form online e il numero è andato aumentando più ci si è avvicinati al termine ultimo per la raccolta, che era fissato per lo scorso 1° ottobre.

A Venezia la cancelleria a Rialto è stata letteralmente inondata di fax, Pec e lettere raccomandate. I consumatori hanno tra l’altro segnalato ad Altroconsumo, anche attraverso i social, di non trovare la linea del fax libera, né di riuscire a usare la Pec dedicata.

Sono passati due anni da quando scoppiò lo scandalo dei motori diesel manipolati dalla casa di Wolfsburg ( Volkswagen) al fine di superare i test di omologazione.

 

Da allora Altroconsumo ha denunciato l’inganno, realizzato vari test per provare la presenza e l’effetto nelle auto del software truffaldino che consentiva di barare nella prova di omologazione, depositato l’atto di citazione contro Volkswagen e ottenuto l’ammissibilità della class action in Italia, la prima e fin qui unica in Europa. L’obiettivo è ottenere il risarcimento del 15% sul prezzo d’acquisto dell’auto.

L’organizzazione ha stimolato il dibattito internazionale sensibilizzando le associazioni in Europa a portare VW in Tribunale, attraverso la campagna #DemandJustice - #PretendiGiustizia.

Va specificato che hanno potuto aderire alla class action coloro i quali hanno acquistato in Italia - nel periodo compreso tra il 15 agosto 2009 e il 26 settembre 2015 - un’autovettura di marca Volkswagen, Audi, Seat e Skoda con motore EA189 Euro 5, in cui sia stato installato il dispositivo EGR e che siano state coinvolte nel richiamo da parte del Gruppo Volkswagen.

 

Le tappe della vicenda


Nel 2015, a seguito dell’ammissione da parte di Volkswagen di aver venduto autovetture con software per truccare i dati, Altroconsumo aveva dapprima diffidato l’azienda e successivamente avviato la class action per pratica commerciale scorretta quantificando il risarcimento per i consumatori al 15% del prezzo di acquisto delle auto e lanciando la campagna europea #pretendigiustizia contro Volkswagen.

L’Autorità garante della concorrenza e del mercato era intervenuta nell’agosto dello scorso anno sanzionando il Gruppo Volkswagen per 5 milioni di euro per manipolazione del software di controllo delle emissioni inquinanti.

I test di laboratorio condotti da Altroconsumo a inizio 2017 avevano confermato che la produzione di emissioni di NOx era superiore rispetto ai valori dichiarati anche sulle auto a cui era già stato effettuato l’aggiornamento del software.

In maggio il Tribunale di Venezia aveva accolto l’istanza dell’organizzazione Altroconsumo ammettendo la class action contro Volkswagen per i veicoli a marchio VW, Audi, Skoda e Seat.

Nel frattempo il 1° settembre sono state introdotte novità nelle procedure di omologazione delle auto nuove in Europa: la Commissione europea ha predisposto un protocollo che prevede test più affidabili, verifiche in condizioni di guida reale e controlli severi da parte dell’Ue.

Tags:
volkswagen#dieselgatealtroconsumoclass actionsicurezza stradaleinquinamento ambientale

in vetrina
Zverev batte Djokovic: a 21 anni è il re delle Atp Finals 2018

Zverev batte Djokovic: a 21 anni è il re delle Atp Finals 2018

i più visti
in evidenza
Si ferma anche Calhanoglu Allarme infortuni, Gattuso in crisi

Milan News

Si ferma anche Calhanoglu
Allarme infortuni, Gattuso in crisi

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Opel punta a un ruolo guida nel progresso della mobilità elettrica

Opel punta a un ruolo guida nel progresso della mobilità elettrica

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.