A- A+
Auto e Motori
DS AUTOMOBILES: dal progetto S alla SM

Con l’unione del telaio S come “Sport” e del motore Maserati, nasceva la Sport Maserati, ovvero Sua Maestà la SM. Tutto iniziò quando nella seconda metà degli anni ’60, nonostante le vendite della DS19, affiancata dalla più potente DS21, crescessero stabilmente, il costruttore iniziò a pensare che fosse il momento per studiare un erede. Pierre Bercot, presidente e direttore generale di quello che era già il Gruppo Citroën, pensò di introdurre una grande ammiraglia in due versioni, quella coupé e quella berlina, mossa dai motori più prestanti della gamma DS e da propulsori ancora più performanti a sei cilindri e anche da un Wankel a tre pistoni rotanti. Dal 1965 a fine decennio, la casa francese iniziò così a investire con l’acquisto di Maserati nel 1967, gli accordi con NSU per lo sviluppo del motore Wankel e la costruzione della società Comotor, a capitale misto Citroën e NSU, la costruzione di una nuova grande fabbrica alla periferia di Parigi, ad alta automazione, che avrebbe dovuto rimpiazzare quella storica del Quai de Javel e che sarà lo stabilimento di Aulnay sous Bois.
Quando gli emissari di Parigi arrivarono a Modena, nella fabbrica che fu dei fratelli Maserati, chiesero di parlare con l’ingegner Alfieri, capo progettista e gli chiesero: “caro Ingegnere, ci occorre un motore, diremmo un sei cilindri di circa tre litri di cubatura, capace di spingere una vettura di circa 1.400kg di massa media ad una velocità di crociera nell’ordine dei duecento orari, da mantenere indefinitamente”. Poi aggiunsero che questo motore doveva essere fornito nel giro di sei mesi. Alfieri non si perse d’animo e sacrificando due cilindri al V8 pensato per la Maserati Indy, ricavò un bel sei cilindri, estremamente compatto, di 2,7 litri circa, capace di 200 cavalli di potenza (poi ridotti di un 10% a favore dell’affidabilità) che rispondeva perfettamente alle esigenze di Parigi.
Nel frattempo, sulle rive della Senna i progettisti avevano messo a punto due “muletti” con carrozzeria DS “coupé” montata sul telaio pressoché definitivo nato dal progetto S su cui vennero installati i primi due motori operativi arrivati da Modena. Il telaio della futura SM aveva una caratteristica peculiare, che rimarrà nelle vetture di serie: poteva ospitare indifferentemente un Wankel tri-rotore (e qualche esemplare verrà effettivamente provato su strada), il motore a quattro cilindri della DS ed il V6 modenese costruito da Maserati, la flangia del cambio (di derivazione DS), i supporti motore e la sospensione del propulsore stesso sono perfettamente compatibili con tutte e tre le motorizzazioni, anche se già nel 1969 la direzione generale ha cancellato il progetto di una versione berlina e l’idea di mettere un motore a quattro cilindri nella Coupé non è più nei piani dell’azienda.
I due muletti a carrozzeria DS, nel frattempo, avevano iniziato a circolare in Italia per la messa a punto del propulsore sull’Autostrada del Sole, nel tragitto tra Modena e Firenze che comprende il tratto appenninico perché era la pista ideale per mettere alla frusta il bel motore del Tridente.
Fu così che venne fissata la data di presentazione della ammiraglia per il marzo 1970, al Salone di Ginevra. I due muletti non furono smantellati, ma passati al reparto corse dove i coniugi Marlene e René Cotton li impiegarono proficuamente, come quando uno di questi prototipi si aggiudicò la Ronde Hivernale de Chamonix del 1972 (alla guida c’era Björn Waldegård), terminando la gara su tre ruote, dopo aver perso uno pneumatico anteriore.

Commenti
    Tags:
    ds automobiles
    in evidenza
    Katia disperata scoppia in lacrime Ilaria, decisione dratica. E poi...

    Bufera a Temptation Island

    Katia disperata scoppia in lacrime
    Ilaria, decisione dratica. E poi...

    i più visti
    in vetrina
    TAYLOR MEGA, topless e perizoma nero. Belen e Cecilia Rodriguez... LE FOTO DELLE VIP

    TAYLOR MEGA, topless e perizoma nero. Belen e Cecilia Rodriguez... LE FOTO DELLE VIP



    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Jeep Camp 2019: edizione da record

    Jeep Camp 2019: edizione da record


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.