A- A+
Auto e Motori
Mini: 60 anni di successi dalla regina a Hollywood

60 anni fa veniva presentata al pubblico per la prima volta la Mini classica. Da allora innumerevoli celebrità come John Lennon, Peter Sellers e persino la regina hanno ceduto al suo fascino grazie al design distintivo, guida agile e dinamica e spazio generoso che da sempre l’hanno contraddistinta. Il suo concetto non convenzionale ha ispirato cineasti, musicisti, stilisti e altri artisti e ha fatto diverse apparizioni nei film di Hollywood. In occasione del 60° anniversario del marchio, Mini celebra quei gloriosi primi anni con alcuni veicoli speciali eccezionali. Dopo il successo del lancio sul mercato della Mini 60 Years Edition per l'attuale Mini 3 porte e Mini 5 porte, la Mini classica sarà di nuovo in prima linea, restaurato ravvivando lo stile di vita deli anni Sessanta, nel colorato design a strisce dell'attuale collezione Lifestyle Mini 60 Years.

Lord Snowdon e l’ingresso della Mini classica nella cavalleria reale

Lord Snowdon, fotografo, designer, amico del designer Mini Alec Issigonis e marito della principessa Margaret, è stato uno dei primi a comprare la nuova piccola auto. Una fotografia di famiglia scattata nel 1965 lo mostra con la principessa Margaret e il figlio David in un tour di Londra in una Mini. Già nel 1960, Lord Snowdon raggiungeva una delle residenze dove i reali erano soliti trascorre il fine settimana a bordo della sua Mini, accompagnando la regina Elisabetta attraverso il parco del Castello di Windsor. Questa occasione rappresentò simbolicamente l’ingresso della Mini nella cavalleria reale: il più alto degli onori reali che Issigonis stesso ricevette nove anni dopo.

Dai Beatles ai i Monkees, dai Beach Boys a David Bowie

Negli anni seguenti, la Mini ottenne un posto fisso nella scena della moda, dell'arte e della musica della “Swinging London”. La sua fama internazionale è dovuta anche all'entusiasmo che suscitò tra i membri dei Beatles. John Lennon ordinò una Mini nel 1964, anche se non aveva la patente di guida. Le fotografie storiche mostrano il batterista Ringo Starr con uno dei modelli di Mini Cooper S che prese parte al Monte Carlo Rally del 1964 e Paul McCartney salire sulla sua Mini privata nel 1967. Il chitarrista George Harrison era l'orgoglioso proprietario di una Mini de Ville, affinata dal rinomato carrozziere Radford. Quando i Beatles si incontrarono nel 1967 per girare il film TV "Magical Mystery Tour" al West Malling Airfield nel Kent, John Lennon si divertì anche a correre attraverso il campo di aviazione in una Mini dipinta con colori psichedelici. Mentre la popolarità della Mini diventava un fenomeno sempre più globale, le band pop e rock degli Stati Uniti conquistavano nuovi fan in Europa. Nel 1966, furono i Beach Boys a partire per un tour internazionale dal surfer sound, posando davanti a una Mini Moke in Gran Bretagna. Questa immagine dei musicisti californiani a bordo dell’auto che porta il nome della band si è diffusa in tutto il mondo. La band americana, The Monkees, raggiunse l'apice della sua popolarità all'incirca nello stesso momento. C'è una fotografia che risale a questo periodo in cui il chitarrista e cantante Michael Nesmith e la sua ragazza Phyllis guardano attraverso il tetto a soffietto di una Mini nella telecamera sopra di loro. Come Beatle Harrison, Monkee Nesmith incaricò Radford per la costruzione della sua Mini Cooper S personale. Questo esemplare unico, stravagante e costoso non solo aveva il tetto a soffietto ma anche un motore da 100 CV e un cruscotto in legno con strumenti aggiuntivi. Oltre a divertirsi guidando la classica Mini, il musicista londinese David Bowie rimase colpito dalle facilità di guida, e di posteggio, offerta dalla Mini e per celebrare il 40° anniversario dell'originale, nel 1999, Bowie progettò una Mini classica con la superficie interamente a specchio, come una teiera britannico lucidata in argento. La cantante tedesca Nina Hagen è stata anche lei fotografata con una Mini Cooper per la rivista Paris Match nella capitale francese nel 1994.

La Mini classica protagonista e comparsa in serie TV e film

La Mini classica è apparsa in serie televisive e film nell’arco di sei decenni. Fa la sua apparizione nel film cult "Blow Up" del 1966 e nella commedia poliziesca "Kaleidoscope" dello stesso anno, in cui l'allora ancora in gran parte sconosciuto Warren Beatty recitò il ruolo principale. Nel 1966 uscì anche il film “A Cœur Joie” con Brigitte Bardot: dove alcune modelle viaggiano a bordo di una Mini Cooper. Il fatto che la stella francese Bardot avesse una stretta connessione con l'auto britannica anche nella sua vita privata è dimostrato dalle fotografie scattate nel 1980 in cui compare con i suoi cani in una Mini Moke. "The Bionic Woman" era una serie TV che godeva di una notevole popolarità sia negli Stati Uniti che nel Regno Unito. Nel 1976, l'attrice principale Lindsay Wagner posò a Londra davanti a una Mini classica attaccata ad un telaio d'acciaio, dando l'impressione che stesse sollevando il veicolo con una mano grazie ai poteri sovrumani di cui godeva il suo personaggio televisivo. Peter Sellers e Blake Edwards hanno realizzato il film "A Shot in the Dark" nel 1964 come sequel della commedia poliziesca "The Pink Panther". Il veicolo cinematografico è una Mini de Ville realizzata da Radford con un design in vimini sulla fiancata. Nel corso degli anni, Peter Sellers acquistò circa una dozzina di Mini classiche personalizzate, tra cui una che regalò alla sua allora moglie Britt Ekland nascondendola in un’enorme torta di compleanno che le fu presentata presso la sede di vendita di Radford a Londra nel 1965. Probabilmente la comparsa più spettacolare sul grande schermo della Mini classica è stata nella commedia gangster del 1969 “The Italian Job”. In questo film, il criminale Charlie Croker interpretato da Michael Caine unisce le forze con un complice per pianificare un furto d'oro nel centro di Torino. Caricano il loro bottino in tre Mini Cooper S – verniciate di rosso, blu e bianco - prima di partire per una fuga mozzafiato attraverso un tunnel della fognatura e sopra tetti e scale nel mezzo del tumulto del traffico nella città italiana. 34 anni dopo, "The Italian Job" è tornato nei cinema e nella nuova versione con le star di Hollywood Charlize Theron, Jason Statham e Mark Wahlberg - la storia spettacolare del furto d'oro torna ad alta velocità sullo schermo con la nuova Mini Cooper S.

La Mini on the road anche nella moda

Mary Quant, influente stilista di moda femminile e inventore della minigonna, è stata ispirata dalla Mini classica. Poco dopo aver ottenuto la patente di guida, ha ordinato una Mini nera e successivamente ha progettato un'edizione speciale, con dettagli unici come i coprisedili a strisce bianche e nere. Alla fine degli anni '90, Paul Smith, uno dei designer di moda maschile più famosi della Gran Bretagna, creò una serie speciale limitata della Mini classica con una finitura in una tonalità di blu creata da lui stesso per abbinarsi ai cerchi in lega color antracite. Un'altra edizione unica altrettanto famosa è stata presentata per il 40 ° anniversario della Mini classica, che Smith ha dipinto nel suo tipico design a strisce multicolore.

 

 

Commenti
    Tags:
    mini
    in evidenza
    Chiara Ferragni come Grace Kelly? Il web contro "La Vita in Diretta"

    MediaTech

    Chiara Ferragni come Grace Kelly?
    Il web contro "La Vita in Diretta"

    i più visti
    in vetrina
    Eurogames: su Canale 5 tornano i Giochi senza frontiere. Ilary Blasi: "La tv anni '80-'90 era stupenda"

    Eurogames: su Canale 5 tornano i Giochi senza frontiere. Ilary Blasi: "La tv anni '80-'90 era stupenda"



    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Nuova Mini Clubman: ecco cosa è cambiato

    Nuova Mini Clubman: ecco cosa è cambiato


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.