A- A+
Musica
Francesco De Gregori nelle decadi fedele. A Bob Dylan

di Raffaello Carabini

La leggenda metropolitana che serpeggia tra gli addetti ai lavori narra che il primo traduttore in italiano di Bob Dylan sia stato il "mitico" Mogol dei tempi di Lucio Battisti, il numero uno dei parolieri italiani, nonché il primo in classifica da anni per introiti come diritti d'autore. Un interprete tutt'altro che fedele, in primis perché reputa se stesso un poeta almeno altrettanto elevato dell'americano, in secundis perché pare non conosca l'inglese. Tanto che, continua la leggenda, quando a Zimmy (altro appellativo del menestrello che all'anagrafe fa Robert Zimmermann e che cambiò il suo cognome in onore del poeta "maledetto" gallese Dylan Thomas) quelle versioni vennero riproposte in inglese pare sbottasse: "this is Mogol, not me".
Un rischio che Francesco De Gregori, un dylaniano-dylanologo della prima ora, ha fatto di tutto per non correre con il suo nuovo album "De Gregori canta Bob Dylan", comprendente 11 brani del canzoniere dell'inventore del folk-rock. Tutti tradotti con rigore assoluto, senza aggiungere nulla, anzi dovendo togliere qualcosa, perché, come dice ad Affaritaliani, "l'inglese è più stringato, sintetico, con parole tronche, così vari versi non ci sono stati nella scansione musicale".
La proposta musicale di De Gregori è del tutto in linea con gli originali per la gran parte dei brani, spesso con arrangiamenti molto simili, a parte la scelta di non usare l'armonica a bocca e di rielaborarne le parti con un incrocio di tastiere e corde. Del resto "sono belle canzoni, che i giovani potrebbero riscoprire grazie alle traduzioni, del resto non è così che abbiamo scoperto anche Shakespeare..."
Infatti, a parte "Desolation Row", che tradusse liberamente insieme a Fabrizio De Andrè nel 1974 e che qui rivede, "Subterranean Homesick Blues", la più rielaborata musicalmente con una ritmica quasi rap, "I Shall Be Released" e "Sweetheart Like You", le altre prescelte sono relativamente poco note, dall'immaginifica "Dignity" all'epopea campagnola di "Tweedle Dum & Tweedle Dee", dalle "Series Of Dreams" che mai diventano realtà al peso autobiografico di "Not Dark Yet".
"Un po' la mia è stata la scelta di smarcarmi dall'ovvio", continua il Principe, opppure Ciccio, oppure il Generale, come diversamente viene soprannominato il cantautore romano in giro per l'Italia. "Non mi è venuto spontaneo andare a toccare i classici, che rischiano anche di impoverirsi. Altre mi sembrano quasi improvvisate in sala da Dylan, tanto che ho giudicato impossibile ritrovare quella spontaneità e quel mondo sonoro che i musicisti avevano in testa al momento di suonarle."
Perché lei è partito dalla musica più che dalle parole dei brani... "Con le canzoni succede sempre così. In strada se ne fischietta il ritornello, non c'è nessuno che ne declama solamente i versi. La scelta non è stata freddamente architettata. Alcune canzoni mi sono venute incontro, dicendomi "io posso essere tradotta". Altre il contrario. Altre avrei volute tradurle ma non ci sono riuscito, come "My Back Pages" con quel verso bellissimo "ero molto più vecchio allora sono molto più giovane adesso" che in inglese dice molto di più."
Il sottotitolo "Amore e furto" è lo stesso di un album di Dylan... "È uno scherzoso gioco di specchi. Lui in quel disco ha messo i brani in cui ha rubato qualcosa da altri, dichiarandolo. Io, lo affermo così magari smettono di dirlo, ho rubato molto da Dylan, persino il titolo."
Ha svolto un lavoro quasi filologico... "Per me la traduzione è sempre stata una sfida, fin da quelle dal latino del liceo. Ho lavorato sulla fedeltà, evitando a tutti i costi di metterci qualcosa di mio perché quello che voglio dire io lo dico nelle mie canzoni, senza problemi. Ho passato settimane a interrogarmi su una parola, una sillaba, a volte come in "Dignity" non ho neppure afferrato appieno tutti i significati, perché poi ogni verso deve misurarsi con la musicalità, deve suonare."
Quindi è d'accordo con coloro che propongono Dylan per il Nobel della letteratura... "No, la canzone e la letteratura sono forme artistiche molto diverse. Sarebbe come dare il premio di miglior idraulico a un falegname. Diamo a Dylan il Nobel della canzone."
De Gregori è impegnato in questi giorni in un giro di presentazione del cd nelle librerie Feltrinelli, anche perché il bel volume fotografico con dvd "Guarda che non sono io" esce in una nuova edizione arricchita di contenuti multimediali inediti dal Vivavoce Tour. Mentre sarà in concerto - "proporrò tutte e 11 queste canzoni in un blocco unico della scaletta" - a marzo in club e teatri su e giù per l'Italia.

 

Tags:
de gregori

in vetrina
The Cal 2019: the presentation of Pirelli Calendar 2019 will be held in Milan

The Cal 2019: the presentation of Pirelli Calendar 2019 will be held in Milan

i più visti
in evidenza
Grande Fratello Vip 3 terremoto 10 in nomination: TUTTI I NOMI

Grande Fratello Vip News

Grande Fratello Vip 3 terremoto
10 in nomination: TUTTI I NOMI

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Il Motor Show cambia e diventa Motor Show Festival

Il Motor Show cambia e diventa Motor Show Festival

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.